Bonus figli disabili: ecco le novità in arrivo entro il 2022

Il bonus per le mamme di figli portatori di disabilità, previsto dalla Legge di Bilancio 2021, è stato esteso anche ai papà dal Decreto Sostegni, in attesa del via libera all’Assegno Unico Universale che prevederà una maggiorazione specifica per i figli disabili delle famiglie richiedenti.

La legge di Bilancio 2021 ha introdotto una nuova indennità per le madri di figli portatori di disabilità che l’articolo 13 bis del Dl Sostegni, del 22 marzo 2021, ha esteso anche ai papà, purché disoccupati.  

Inoltre, dal 1° luglio 2021 entrerà in vigore il decreto ponte per la richiesta dell’Assegno Unico Universale da parte delle famiglie che comprenderà una maggiorazione di 50 euro per ciascun figlio portatore di disabilità.

Bonus figli disabili: in cosa consiste l’incentivo della Legge di Bilancio 2021

L’indennità introdotta dalla Legge di Bilancio di quest’anno, nota come bonus mamme single di figli con disabilità, consiste in un contributo mensile massimo di 500 euro netti che può essere richiesto dalle madri:

  • ·         disoccupate; 
  • ·         che possono disporre di una sola fonte di guadagno;
  • ·         facenti parte di nuclei familiari monoparentali con figli a carico aventi una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60%.

Il bonus è una novità rispetto agli anni precedenti e sarà concesso per tre anni, per ciascun anno dal 2021 al 2023.

Bonus figli disabili: cos’è cambiato con il Decreto Sostegni

Inizialmente, il bonus poteva essere richiesto solo dalle madri ma l’articolo 13 bis, del Dl Sostegni, ha esteso il sussidio anche ai papà.

L’assegno mensile può essere richiesto uno dei due genitori, purché sia:

  • disoccupato;
  • monoreddito facente parte di nuclei familiari monoparentali.

Rimane invariata la cifra messa a disposizione dal provvedimento e gli anni di validità del bonus. Tuttavia, mancano ad oggi, le modalità di attuazione specifica della misura.

Bonus figli disabili: cosa cambierà con l’Assegno Unico Universale

Un ulteriore aiuto economico per le famiglie con figli disabili verrà dal decreto-legge per l’introduzione dell’Assegno Unico Universale, a partire dalla seconda parte di quest’anno che dovrebbe garantire un sussidio alle famiglie con una maggiorazione di 50 euro per ogni figlio disabile fino ai 21 anni di età oppure che hanno già compiuto 21 anni di età ma sono ancora a carico della famiglia richiedente.

A partire dal 2022, la quota sarà compresa tra il 30 e il 50 % in base alla gravità della disabilità e l’assegno potrà essere richiesto da tutti lavoratori (disoccupati, subordinati ed autonomi).

(Veronica Rossetti)