0
Segnalibri
FTAOnline
Home :: Mercati :: Ftse Mib, sette titoli pronti per un rimbalzo

Ftse Mib, sette titoli pronti per un rimbalzo

di Alessandro Magagnolipubblicato:


Il Ftse Mib è in calo anche oggi, il quadro grafico tuttavia non è ancora compromesso. Nell'ambito del paniere ci sono 7 titoli appoggiati su supporti rilevanti che potrebbero tentare un rimbalzo

Il Ftse Mib lascia sul terreno l'1,6% circa in questo momento a 23400 punti. I prezzi restano però nella porzione centrale del canale ribassista disegnato dal top del 21 aprile, i cui limiti attualmente transitano a 22690 e a 24140 (quindi baricentro a 23415 punti circa).

Per il momento entrambi gli scenari sono possibili, uno di ripresa, introdotto dal superamento di area 24140, con target a 25600 punti circa, uno di ribasso, introdotto dalla violazione di 22690, con obiettivo a 21250 punti circa. In attesa che il mercato si schiarisca le idee sulla strada che intende fare seguire al Ftse Mib ci sono alcuni titoli del paniere che sono arrivati su supporti rilevanti e che potrebbero rimbalzare.

La strategia di acquisto sui supporti è più rischiosa rispetto a quella di ingresso alla rottura delle resistenze, va quindi avvicinata con cautela e mantenendo degli stop loss rigorosi.

Ecco i titoli sui quali concentrare l'attenzione

Moncler

Moncler si sta avvicinando al minimo del 7 marzo a 41 euro, supporto che sulla carta è solido. Una reazione da quei livelli dovrebbe tuttavia risalire oltre i 46 euro per dimostrarsi credibile, in quel caso target a 48,70 e a 51 euro. Sotto area 41 neutralizzare eventuali acquisti, supporti a 37,83, base del gap del 9 novembre 2020, poi a 36,37 euro, limite inferiore del gap del 5 novembre 2020.

Nexi

Nexi sta tentando di evitare la violazione del minimo il 26 aprile a 8,77 euro. Un eventuale rimbalzo da quei livelli dovrà tuttavia superare almeno il massimo del 5 maggio a 9,83 per dimostrarsi credibile. In quel caso resistenza a 10,80 circa, lato alto del canale ribassista disegnato dal top di fine ottobre. Sotto 8,77 stop loss per posizioni al rialzo, attesi infatti in quel caso movimenti verso la base del canale citato, a 7,50 euro.

Pirelli

Pirelli si è portato il 9 maggio in area 4,30, sulla base del canale laterale disegnato dal top di fine marzo. Questo canale potrebbe essere un "flag" di continuazione dell'uptrend visto a marzo. Solo oltre 4,95, lato alto del canale, conferme in questo senso, con obiettivi anche lontani, fino a 5,65. Nel breve prima resistenza a 4,75. Sotto 4,30 lo scenario rialzista verrebbe compromesso, atteso in quel caso il test dei minimi di marzo a 3,90 euro.

Poste

Poste si è mosso dal massimo del 29 marzo seguendo un canale ribassista (una coppia di linee parallele). La rottura del lato alto del canale, coincidente in area 9,38 con la media mobile esponenziale a 20 giorni, fornirebbe un segnale di forza per il test di 9,84, gap del 22 aprile e media esponenziale a 50 giorni. Resistenza successiva a 10,20. Sotto 8,80 posizionare lo stop per le posizioni al rialzo, probabile infatti alla violazione di quei livelli il ritorno a 8,36, minimo di marzo.

Saipem

Saipem si muove dal picco del 21 aprile seguendo un canale ribassista. Fino a che la base del canale, a 0,95, tiene, resta viva l'ipotesi di essere in presenza di un "flag" in via di formazione, una figura di continuazione del rialzo visto dal minimo di marzo. Oltre il lato alto del canale, a 1,13, possibili movimenti verso 1,30 e 1,40. Sotto 0,95 alleggerire eventuali acquisti, primo supporto a 0,91, minimo di marzo, poi atteso il test di 0,82 euro.

Snam

Snam ha toccato con la coda del "martello" del 2 maggio a 4,94 euro (il minimo della candela di tipo "hammer") il 61,8% di ritracciamento del rialzo dal minimo di febbraio, un forte supporto che per adesso ha tenuto. Fino a che i prezzi rimarranno al di sopra di area 4,90/95 sarà possibile ipotizzare il ritorno a 5,44, top dell'11 aprile. Conferme in questo senso sopra 5,25. Sotto 4,90 neutralizzare gli acquisti e prepararsi a nuovi ribassi con target a 4,75 e a 4,62, minimo del martello dell’11/02.

Stellantis

Stellantis ha disegnato una figura rialzista a doppio minimo in area 12,08 dal minimo del 27 aprile (allineato con quello del 7 marzo e con il 50% di ritracciamento del rialzo dai minimi di marzo 2020). I prezzi potrebbero salire ora a 13,91, gap del 19 aprile, e in caso di rottura fino a 15,38, dove passa la media mobile esponenziale a 200 giorni. Sotto 12,08 le prospettive di rimbalzo verrebbero negate, atteso invece il test di 10,40, 61,8% di ritracciamento.

Programma dei video

« maggio 2022»
lun
mar
mer
gio
ven
sab
dom

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter via e-mail per ricevere aggiornamenti sulle Ultime Notizie, i Tutorial e le Offerte Speciali!

Autorizzazione Marketing
Autorizzo l'utilizzo delle informazioni che ho fornito ai fini di ricevere via e-mail notizie, aggiornamenti ed informative marketing.
Cancellazione e politica sulla privacy