Il Punto sui Mercati. Focus su Eni e sul programma di sviluppo sostenibile

25/11/2021 16:02:56

Piazza Affari poco mossa, orfana di Wall Street chiusa per il Thanksgiving. Sull'azionario europeo pesa l'ipotesi di un nuovo lockdown totale in Germania. Il Ftse mib sale dello 0,08%, il Ftse Italia All Share dello 0,1% e il Ftse Italia Star dello 0,6%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 25 novembre:

Prysmian


Sale Prysmian +1,2% a 34,28 euro. Morgan Stanley conferma la raccomandazione overweight e incrementa il target a 35 euro. Dopo aver messo sotto pressione il primo supporto a 33,52 euro, media esponenziale a 20 giorni, il titolo è tornato a crescere dimostrando di possedere ancora energia sufficiente per estendere il rally in atto da marzo 2020 verso obiettivi ipotizzabili in area 36 ed eventualmente fino a 40 circa, per il test del lato superiore che contiene il rialzo dell'ultimo anno e mezzo. Sotto 33,52 resterebbe solo il supporto a 33,10, massimo del 7 settembre e quota pari al 38,2% di retracement del rialzo in atto da ottobre, a scongiurare ulteriori ripiegamenti. Poi probabile invece il ritorno in area 31.
-Target: 40 euro
-Negazione: 33,10 euro
-RSI (14): neutrale

Telecom Italia

Non si ferma la corsa di Telecom Italia (+0,6% a 0,5002 euro) positiva in scia alle indiscrezioni di Bloomberg secondo cui il governo italiano ha dato un via libera informale a KKR. Ieri il premier Mario Draghi ha sottolineato che la valutazione dell'offerta del fondo sul gruppo telefonico prenderà in considerazione la protezione dell'occupazione, della tecnologia e dell'infrastruttura di Telecom. Il focus del mercato resta sull'ipotesi di rilancio dell'offerta da 0,5050 a 0,70-0,80 euro per azione ancor prima del cda (forse domani) per l'esame della proposta. Secondo Bloomberg, KKR potrebbe spingersi fin sugli 0,90 qualora dovesse rendersi necessario per convincere Vivendi, principale azionista di Telecom con il 23,9%. I corsi hanno registrato nuovi massimi annuali, spingendosi fino a 0,5094 euro, livello più alto da febbraio 2020 e lato superiore del canale che sale dai minimi di ottobre 2020. Da venerdi scorso le quotazioni hanno guadagnato oltre 40 punti percentuali, spingendo tuttavia in zona di ipercomprato i principali oscillatori grafici. Dopo una pausa a ridosso dei livelli attuali, il titolo potrebbe tornare a crescere verso il picco di febbraio 2020 a quota 0,5372. Eventuali flessioni dovranno mantenersi al di sopra di 0,43 per mantenere vive le speranze di crescita. Sotto questo limite atteso un affondo verso 0,3655 almeno.
-Target: 0,5372 euro
-Negazione: 0,43 euro
-RSI (14): ipercomprato

Eni


Eni in lieve calo (-0,4%). Il gruppo ha annunciato l'avvio del programma "Basket Bond-Energia Sostenibile", realizzato insieme a Elite di Borsa Italiana e illimity Bank per accelerare la crescita e lo sviluppo della supply chain. Si tratta di uno strumento di finanza innovativa rivolto a tutte le imprese della filiera integrata dell'energia, con un focus particolare sulle Pmi e dedicato agli obiettivi di sviluppo sostenibile. A partire dai massimi di fine ottobre il titolo ha disegnato un potenziale testa e spalle ribassista, figura che troverebbe conferma sotto area 12 per supporti a 11,20/11,30, a ridosso della base del canale che sale dai bottom del 2020. Se invece area 12 dovesse rimanere intatta offrirebbe una solida base dalla quale tentare la rottura dei massimi di novembre a 12,81 euro riattivando così la corsa verso area 14, lato superiore del citato canale.
-Target: 14 euro
-Negazione: 12 euro
-RSI (14): neutrale

Hera

Debole Hera (-0,1%) nonostante l'aggiudicazione di una gara ambiente nel bolognese per un valore di oltre 1,7 miliardi di euro. Il titolo fatica ad allontanarsi da 3,50 circa, minimi ripetutamente testati a nuovembre, minacciando di arretrare fino a 3,35 circa, supporto orizzontale definito dai minimi di luglio e ottobre. Al rialzo, il ritorno sopra la media esponenziale a 50 sedute, ora a 3,58 riporterebbe i prezzi su un cammino di crescita per target a 3,77/3,78 circa.
-Target: 3,78 euro
-Negazione: 3,35 euro
-RSI (14): neutrale

CC - www.ftaonline.com