FTAOnline
Home :: Flash Ultim’Ora :: Piazza Affari recupera nel finale. FTSE Mib +0,24%

Piazza Affari recupera nel finale. FTSE Mib +0,24%

di FTA Online Newspubblicato:

Chiusura sopra la parità nella seconda seduta della settimana per la borsa italiana. Il FTSE Mib ha archiviato la giornata con un progresso dello 0,24% dopo essersi mosso per buona parte della giornata in territorio negativo. Il FTSE Italia All-Share +0,19%, il FTSE Italia Mid Cap -0,29%, il FTSE Italia STAR -0,28%.
Sotto tono le altre principali piazze azionarie europee che hanno oscillato attorno alla parità ed anche Wall Street è negativa dopo due ore circa di scambi, penalizzata da alcune trimestrali deludenti. S&P Global ha comunicato che negli USA l'indice PMI servizi preliminare relativo al mese di gennaio si è attestato a 46,6 punti, contro i 44,7 di dicembre e i 45,0 del consensus. L'indice PMI manifatturiero preliminare relativo al mese di gennaio si è invece attestato a 46,8 punti, contro i 46,2 di dicembre e i 46,0 del consensus.
Euro in lieve recupero contro dollaro, il cambio al momento quota 1,0875 circa. BTP e spread in miglioramento. Il rendimento del decennale segna 3,92% (chiusura precedente a 4,03%), lo spread sul Bund 176 bp (183) (dati MTS).
In rialzo i titoli del comparto bancario. L'indice FTSE Italia Banche segna +1,3%. In verde BPER Banca +1,43% su cui Standard Ethics ha migliorato il rating SER (Standard Ethics Rating, criteri ESG) da EE a EE+ con outlook positivo.
Bel rialzo per Unicredit +1,5% in attesa dei conti del quarto trimestre e dell'esercizio 2022 in programma all'inizio della prossima settimana. Le stime di consensus pubblicate lo scorso 17 gennaio sono in crescita rispetto all'aggiornamento precedente. L'a.d. Andrea Orcel sembra intenzionato ad eliminare alcune voci di costo significative, in particolare quelle sulle consulenze.
Intesa Sanpaolo +2,05% estende il recupero dai minimi di venerdì quandi titolo aveva perso terreno dopo le indiscrezioni secondo cui la società avrebbe dovuto ridurre le RWA (rischi ponderati dalle attività) di circa 20 miliardi di euro per soddisfare le richieste della BCE. Intesa ha precisato la situazione affermando che non sono in cantiere altre operazioni simili a quelle attuate nel quarto trimestre sulle RWA, che peraltro non erano legate a "richiami" da parte della BCE.
In rialzo Generali (+0,42%). Citigroup ha alzato il target price sul titolo a 17,85 euro da 17,12 euro, mentre Prysmian (+1,26%) ha toccato il nuovo massimo storico a 37,74 euro.
Iveco Group (-0,33%) ha invece invertito marcia dopo un buon avvio. Il gruppo ha annunciato l'acquisizione (tramite la controllata IDV specializzato nei mezzi per la difesa e la protezione civile) di una quota di controllo in MIRA UGV, la divisione veicoli terrestri senza equipaggio (UGV - Uncrewed Ground Vehicles) di HORIBA MIRA, un fornitore globale di ingegneria automotive, servizi di ricerca e di test, con sede nel Regno Unito. L'operazione combina le competenze di IDV nella produzione di veicoli per la difesa con la leadership di HORIBA MIRA nelle soluzioni all'avanguardia per i veicoli terrestri senza equipaggio.
Negativa Telecom Italia -0,96%. Secondo le ultime indiscrezioni di stampa dopodomani dovrebbe avere luogo un nuovo incontro tra governo, management e azionisti su riassetto del gruppo e rete unica previsto. Sul tavolo il dossier incentivi al settore ma è possibile che CDP indichi una prima valutazione su NetCo in vista dell'offerta non vincolante che dovrebbe arrivare entro il 14 febbraio (presentazione del piano triennale).Stabile STM +0,12%. Ieri sera l'indice Philadelphia Semiconductor Sector Index (SOX), nel cui paniere troviamo le 30 maggiori società USA attive nel comparto, ha terminato a +5,01%.
Petroliferi deboli: il greggio è in arretramento dai massimi toccati ieri pomeriggio. Eni -1,53%, Tenaris -1,26%, Saipem -3,35%. Negativa anche d'Amico International Shipping -2,78% che stamattina ha annunciato di aver esercitato l'opzione d'acquisto sulla MT High Explorer, una nave cisterna "medium-range" di portata lorda pari a 50.000 tonnellate, costruita a maggio 2018 per circa 27,5 milioni di euro.

AC - www.ftaonline.com

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy