Report e Ratings

T. Rowe Price: FOMC, faro puntato sui possibili commenti su tassi e inflazione

Nikolaj Schmidt, International Chief Economist di T. Rowe Price, ha così analizzato le prospettive sull'incontro di politica monetaria della Federal Reserve statunitense che si concluderà oggi.

"Nel percorso di avvicinamento all'odierna riunione del FOMC, la Fed è stata estremamente chiara nelle sue comunicazioni: il tapering è ormai definito, inizierà a metà novembre per arrivare all'interruzione definitiva dell'acquisto degli asset entro metà del 2022. Ecco, dunque, quali sono gli aspetti da monitorare.

Ferrari: Equita incrementa target

Ferrari +5,2% a 224,20 euro. Equita incrementa del 7% il target sul titolo portandolo a 180 euro, con raccomandazione hold confermata. Il titolo della "rossa" ha toccato poco fa il nuovo record a 226,00 euro in scia ai risultati del terzo trimestre comunicati ieri. Ricavi a 1.053 milioni di euro (+18,6% a/a e +15,1% rispetto al trim3 2019), EBITDA a 371 milioni (+12,4% a/a e +19,6% rispetto al trim3 2019), utile netto pari a 207 milioni contro i 171 dell'anno scorso.

Inflazione: Lauro (Unimpresa), drammatico impatto su consumi

Il rialzo dei prezzi non si è fermato nemmeno a ottobre: la corsa senza sosta dell'inflazione sta proseguendo e crescono i rischi di una forte contrazione dei consumi finali. Se in Europa l'accelerazione dell'inflazione registrata a ottobre è arrivata al 4,1%, in Italia le stime preliminari indicano un aumento del 2,9%. Un quadro che, nonostante le rassicurazioni della Banca centrale, europea, rende difficile immaginare che, entro il 2022, l'inflazione nell'area euro possa tornare entro il target del 2%.

Fed, il commento di State Street al meeting di oggi

Simona Mocuta, chief economist di State Street Global Advisors, ha così commentato le attese per il meeting odierno della Federal Reserve. "Per la Fed è arrivato il momento di iniziare a rimuovere la politica monetaria accomodante. Iniziare il tapering è il primo passo del lungo viaggio verso il rialzo dei tassi nel 2022.

Pictet AM: Evergrande, rischio idiosincratico o sistematico?

Mario Amabile, Investment Specialist di Pictet Asset Management, ha così analizzato il caso di Evergrande in Cina e il rischio ad esso collegato.

"In Cina prosegue la fase di regolamentazione da parte delle autorità, interessate a promuovere la "prosperità comune". Contemporaneamente, il caso Evergrande continua a catturare l'attenzione degli investitori. Nonostante questo contesto di incertezza, le obbligazioni cinesi onshore si stanno dimostrando ancora una volta un importante strumento difensivo a protezione del portafoglio.

Pages

Subscribe to RSS - Report e Ratings