Forex

Eur/Usd al test dei primi ostacoli

Eur/Usd in moderato progresso dopo il test la scorsa ottava dei minimi di inizio mese e di febbraio, a 1,0770 circa. Da questi supporti, già testati all'inizio di aprile e allineati a quelli di febbraio,le quotazioni stanno disegnando un rimbalzo verso quota 1,0890, trend line che scende dai massimi di marzo: oltre questa soglia diverrebbe possibile il ritorno a quota 1,10, primo step per un recupero più duraturo verso quota 1,1146, massimo del 27 marzo e livello non distante dal 61,8% di ritracciamento dai top di marzo.

Flash Mercati

Future sugli indici azionari europei in progresso (rispetto ai prezzi segnati in corrispondenza della chiusura dei sottostanti alle 17:30 della seduta precedente): Euro Stoxx 50 +2,2%, FTSE 100 +1,5%, DAX +2,1%, FTSE MIB +2,0%. Le chiusure dei principali indici nella seduta precedente: Euro Stoxx 50 -1,52%, Londra (FTSE 100) -1,28%. Francoforte (DAX) -1,69%, Parigi (CAC 40) -1,30%, Madrid (IBEX 35) -1,97%, Milano (FTSE MIB) -0,89%.

Eur/Jpy minaccia supporti critici

Quadro grafico debole per Eur/Jpy. Un'altra settimana negativa per il cross che, incapace di stabilizzarsi al di sopra di area 117, è tornato nuovamente a contatto con area 115,80/116, minimi di marzo allineati a quelli di settembre 2019. La violazione perentoria di quest'area farebbe temere una evoluzione ribassista verso area 114,80/115, minimi del 2017 e ultimo appiglio in grado di arginare le pressioni ribassiste verso i bottom del 2016 a 109,50/110.

Asia-Pacific in negativo. Nikkei 225 in declino dello 0,86%

Dopo lo stop di Wall Street (in positivo, dei tre principali indici newyorkesi il solo Dow Jones Industrial Average, apprezzatosi dello 0,17% giovedì), che ha visto evaporare in extremis un netto recupero a causa del fallimento di un potenziale antivirale prodotto da Gilead Sciences, alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza è stata contrastata ma complessivamente in negativo. Il Financial Times ha riportato giovedì, citando documenti pubblicati per errore dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che il farmaco sperimentale remdesivir non ha superato i test clinici.

Flash Mercati

Future sugli indici azionari europei in forte ribasso (rispetto ai prezzi segnati in corrispondenza della chiusura dei sottostanti alle 17:30 della seduta precedente): Euro Stoxx 50 -2,4%, FTSE 100 -1,6%, DAX -2,4%, FTSE MIB -2,8%. Le chiusure dei principali indici nella seduta precedente: Chiusura borse europee: Euro Stoxx 50 +0,62%, Londra (FTSE 100) +0,97%, Francoforte (DAX) +0,95%, Parigi (CAC 40) +0,89%, Madrid (IBEX 35) +0,40%, Milano (FTSE MIB) +1,47%.

Flash Mercati

Future sugli indici azionari europei in verde (rispetto ai prezzi segnati in corrispondenza della chiusura dei sottostanti alle 17:30 della seduta precedente): Euro Stoxx 50 +0,4%, FTSE 100 +0,3%, DAX +0,4%, FTSE MIB +0,4%. Le chiusure dei principali indici nella seduta precedente: Chiusura borse europee: Euro Stoxx 50 +1,56%, Euro Stoxx 50 +1,56%, Londra (FTSE 100) +2,30%, Francoforte (DAX) +1,61%, Parigi (CAC 40) +1,25%, Madrid (IBEX 35) +1,28%., Milano (FTSE MIB) +1,91%.

Pages

Subscribe to RSS - Forex