Analisi Pillole Italia (API)

Saipem reagisce alle vendite

Saipem (+2,54%) ha recentemente violato il duplice supporto a 2,30 circa, linea tracciata dai minimi di ottobre e media mobile a 50 giorni. Per il momento però la tenuta di area 2,20 potrebbe contenere le pressioni negative e favorire un rimbalzo. Solo oltre 2,42 si creerebbero le condizioni per un miglioramento permettendo ai prezzi di risalire verso i top di febbraio, a 2,716 euro. Discese sotto 2,20 ricondurrebbero il titolo a quota 2,01/2,06.

CC - www.ftaonline.com

Technogym accelera verso i top annuali

Technogym (+2,27%) si allunga fino quasi a testare a 10 euro il picco di febbraio. Il superamento della linea tracciata novembre, a 9,20 circa, e il successivo return move a testare il livello come supporto potrebbero favorire nuovi allunghi verso la copertura del gap ribassista del 24 febbraio 2020 a 10,91. Il mancato superamento di 10 euro potrebbe invece favorire prese di beneficio, ma solo sotto 8,85 euro verrebbero rinviate le prospettive di crescita.

CC - www.ftaonline.com

Enel rimbalza al test dei supporti

Enel (+1,97%) reagisce energicamente alle vendite dell'ultimo mese sfruttando il supporto dinamico offerto a 7,55 circa della trend line che accompagna il rialzo dell'ultimo anno. Una stabilizzazione al di sopra di 8,00/8,05 dovrà essere seguita dalla rottura a 8,20 circa della linea che scende dal picco di gennaio per favorire il ritorno in area 8,60. Negative invece discese sotto 7,55 per supporti a 7,10 e 6,74, minimo di novembre .

CC - www.ftaonline.com

Maire Tecnimont rimbalza dai supporti

Maire Tecnimont (+1,4%) rimonta dopo un avvio sotto i minimi di mercoledì a ridosso dei supporti a 2,10 euro circa. La tenuta di questo limite dovrà essere seguita dalla rottura di area 2,26 per riportare slancio nel movimento partito lo scorso autunno in direzione del picco di febbraio a 2,338 euro e più in alto fino a 2,55, base del gap del 24 febbraio 2020. Indicazioni negative invece sotto 2,10 e alla violazione a 2,02 circa della media mobile esponenziale a 50 sedute.

CC - www.ftaonline.com

Pierrel verso la rottura del pennant

Si riducono le oscillazioni di Pierrel (+0,85%) dopo l'abbrivio visto a febbraio. I prezzi sono nella parte finale di un pennant che scende da 0,2780 in attesa di spunti direzionali. Normalmente il pennant è una figura di continuazione che interrompe momentaneamente il movimento precedente: atteso dunque un nuovo slancio verso 0,2780 e oltre, in direzione di obiettivi a 0,2930, massimi di luglio e settembre 2016. Possibile indebolimento invece sotto 0,2130.

CC - www.ftaonline.com

Stellantis prova a riattivare la corsa

Prosegue il buon momento di Stellantis (+2,66%) che prova ad avere la meglio sui massimi di gennaio a 14,25 circa. Nel caso di stabilizzazione oltre questo limite verrebbe riattivata la corsa verso target a 15,85 euro, top del 2018. Sotto area 13,00 probabile invece assistere ad approfondimenti verso quota 11,96, minimo di gennaio.

CC - www.ftaonline.com

Nexi cancella i progressi di martedì

Nexi (-1,36%) cancella i progressi di martedì ma resta ancora ben posizionato per attaccare gli ostacoli presenti in area 16, base del gap del 17 febbraio. Oltre quest'area il titolo potrebbe tornare sui massimi di inizio anno a 16,93 euro, gettando le basi per un recupero più duraturo verso 18,19 euro, picco di ottobre. Sotto 14,60 rischio invece rivisitazione del minimo di gennaio in area 14,20.

CC - www.ftaonline.com

OVS in pressing contro una resistenza critica

OVS (+3,16%) resta in pressing contro una resistenza a 1,145/1,15 euro, massimi di dicembre che ha tentato di rompere senza successo a inizio anno: oltre questo limite si aprirebbero spazi di crescita verso i massimi di giugno a 1,29 euro, con target successivo a 1,46 circa, lato alto del canale che sale dai minimi di marzo. Discese sotto la media mobile esponenziale a 50 giorni, passante da 1,08 circa, rischio di assistere a ripiegamenti verso quota 1,00. Sotto 0,97 via libera poi verso 0,872 e 0,79.

CC - www.ftaonline.com

Pages

Subscribe to RSS - Analisi Pillole Italia (API)