Analisi Varie Estero (AVE)

Cina: in marzo prestiti in essere cresciuti del 12,6% annuo

Secondo quanto comunicato dalla People's Bank of China (PboC), in marzo le banche cinesi hanno erogato prestiti per 2.730 miliardi di yuan (oltre 350 miliardi di euro al cambio attuale), più che raddoppiati rispetto ai 1.360 miliardi (174 miliardi di euro) di febbraio, contro i 2.450 miliardi (314 miliardi di euro) del consensus di Reuters e i 2.850 miliardi (366 miliardi di euro) del marzo 2020. I prestiti in essere sono invece cresciuti lo scorso mese in Cina del 12,6% annuo, contro il 12,9% di febbraio (12,7% in gennaio), in linea con le attese degli economisti.

S&P 500 poco mosso in cima alla vetta

L'S&P 500 prende fiato in cima alla vetta. Poco mossa la prima seduta della settimana, con l'indice americano che si attesta a 4127,99 punti in lieve calo dello 0,02%. La forza dimostrata da inizio mese e culminata su nuovi record a 4131 non viene minimamente messa in discussione dalle oscillazioni dei prezzi che anzi si confermano saldamente orientati al rialzo in direzione di obiettivi individuabili tra 4150 e 4200 punti, sul lato superiore del canale che sale dai minimi dello scorso autunno.

Gran Bretagna: in marzo vendite retail rimbalzate del 20,3%

Secondo quanto comunicato dal British Retail Consortium (Brc), in Gran Bretagna le vendite al dettaglio sono rimbalzate a perimetro costante in marzo del 20,3% annuo, in ulteriore accelerazione rispetto al 9,5% di febbraio (7,1% in gennaio). Secondo quanto emerge dal Brc-Kpmg Retail Sales Monitor la crescita è stata invece dell'8,4% rispetto al marzo 2019 (8,3% il progresso delle vendite totali).

RR - www.ftaonline.com

Borsa Usa: avvio di settimana in leggero calo

La Borsa di New York ha chiuso la prima seduta della settimana in leggero calo. Il Dow Jones ha perso lo 0,16%, l'S&P 500 lo 0,02% ed il Nasdaq Composite lo 0,36%.
In attesa dell'avvio della tornata di trimestrali per la Corporate America, sui mercati prevalgono ancora i timori legati al Covid-19 dopo che Pechino ha ammesso la bassa efficacia del suo vaccino.Secondo Jerome Powell, l'economia Usa è a un "punto di svolta".

Il Dax non esce dalla fase laterale

Il Dax non esce dalla fase laterale. Il Dax ha trascorso le ultime quattro sedute muovendosi lateralmente dopo aver toccato un nuovo record il 6 aprile a 15312 punti. Il quadro grafico, nonostante la mancanza di spunti degli ultimi giorni, resta fragile: sul grafico ad elementi giornalieri dell'indice Dax si è aperto il 6 aprile il terzo gap rialzista in successione nell'ambito dal movimento partito dai minimi del 25 marzo a 14423 punti (toccati a contatto con la media esponenziale a 20 giorni).

Giappone: in marzo massa monetaria M2 salita del 9,5% annuo

Secondo quanto comunicato dalla Bank of Japan, in marzo la massa monetaria M2 è salita in Giappone del 9,5% annuo, a 1.144.300 miliardi di yen (8.774 miliardi di euro), in lieve rallentamento rispetto al 9,6% di febbraio (9,4% in gennaio). La massa monetaria M3 è invece cresciuta dell'8,0% annuo come in febbraio (7,8% in gennaio).

RR - www.ftaonline.com

Cina: in marzo progresso delle esportazioni al 30,6% annuo

Secondo quanto comunicato dalla General Administration of Customs (l'autorità delle dogane di Pechino), in marzo il progresso delle esportazioni dalla Cina, calcolato in dollari, è stato di un netto 30,6% annuo, in deciso rallentamento però rispetto al balzo del 60,6% dei primi due mesi del 2021 (il periodo gennaio-febbraio viene abitualmente accorpato visto che comprende le lunghe festività del Capodanno lunare) e contro il 35,5% del consensus di Reuters.

Borsa Usa: indici in leggero calo

La Borsa di New York ha aperto la prima seduta della settimana in leggero calo. Il Dow Jones cede lo 0,05%, l'S&P 500 lo 0,1% ed il Nasdaq Composite lo 0,3%.
In attesa dell'avvio della tornata di trimestrali per la Corporate America, sui mercati prevalgono ancora i timori legati al Covid-19 dopo che Pechino ha ammesso la bassa efficacia del suo vaccino.

Pages

Subscribe to RSS - Analisi Varie Estero (AVE)