Titoli Caldi della seduta in corso

Borsa Italiana reagisce al sell-off di inizio ottava

Azionario italiano in ripresa martedì dopo il sell off globale di ieri causato dai timori di una crisi sistemica dei settori immobiliare e finanziario in Cina innescata da Evergrande. A Milano il Ftse Mib archivia la seduta con un rialzo dell'1,22% e il Ftse Italia All Share uno dello 0,98 per cento.

Lo yield del BTP decennale italiano scende allo 0,69% mentre quello del Bund tedesco diminuisce di 1 punto base (-0,32%) comprimendo lo spread a 101 punti base.

L'angolo del trader

Eni in rosso lunedì in scia al calo del petrolio. Il titolo ha ceduto il 4,6% subendo l'impatto dello stacco del dividendo a titolo di acconto (50% del dividendo 2021) per un ammontare pari a 0,43 euro per azione (0,86 euro per ADR, essendo ciascun ADR quotato al New York Stock Exchange rappresentativo di 2 azioni Eni). La società è stata anche confermata come partecipante al Global Compact LEAD per il suo costante impegno verso il Global Compact delle Nazioni Unite e i suoi Dieci Principi per un business responsabile.

Borsa Italiana in parziale recupero dopo i cali di ieri

Azionario europeo e italiano in parziale recupero all'avvio della seconda seduta di questa ottava e dopo il sell off globale di ieri causato dai timori di una crisi sistemica dei settori immobiliare e finanziario in Cina innescata da Evergrande. A Milano il Ftse Mib segna un rialzo dello 0,73% e il Ftse Italia All Share uno dello 0,69 per cento. Recuperi appunto parziali che si registrano anche negli altri maggiori indici europei (Dax +0,99% e Cac 40 +1,28%).Sul fronte del debito sovrano leggeri rialzi dei rendimenti bilanciano in parte i ribassi di ieri.

Seduta in forte calo per Borsa Italiana

La chiusura dei mercati europei conferma il lunedì nero delle borse. Il cattivo sentiment degli operatori non risparmia infatti l'azionario italiano che chiude la seduta con un ribasso del Ftse Mib del 2,57% e del Ftse Italia All Share del 2,43 per cento. Male anche gli altri maggiori listini europei (Dax -2,31% e Cac40 -1,74%) mentre i maggiori listini statunitensi segnano cali superiori al punto e mezzo percentuale.

Borsa Italiana apre l'ottava in calo: vendite sui bancari

Avvio di ottava in pesante calo per l'azionario italiano ed europeo. Secondo diversi osservatori, nonostante diverse borse asiatiche siano chiuse per festività, è proprio dall'Oriente che proviene il cattivo sentiment del mercato. L'Hang Seng di Hong Kong ha infatti perso il 3,5% circa e subirebbe gli effetti della crisi del colosso immobiliare cinese Evergrande che - temono gli operatori - potrebbe scatenare un effetto contagio sui mercati immobiliari e finanziari.

Il Ftse MIB cede l'1,75% e il Ftse Italia All Share l'1,71 per cento.

Borsa Italiana in rialzo: bene utility e lusso

Avvio di seduta in rialzo per l'azionario italiano ed europeo. Il Ftse Mib guadagna lo 0,69% e il Ftse Italia All Share lo 0,71 per cento.
I titoli del debito sovrano europeo si mantengono sostanzialmente stabili durante i primi scambi con i rendimenti del BTP e del Bund che aumentano di un 1 punto base lasciando lo spread a 99 punti base.

L'angolo del trader

In calo il raffinatore Saras (-2,85%) nonostante l'annuncio di un memorandum con AirLiquide per la decarbonizzazione della raffineria di Sarroch con metodi di carbon capture & storage. Il titolo ha toccato un minimo a 0,7046 euro per poi terminare la seduta a 0,7082 euro. I prezzi si muovono dentro un canale rialzista dal minimo del 2 agosto a 0,6050 euro.

Borsa Italiana in recupero, bene CNH Industrial e Generali

Avvio di seduta in recupero per l'azionario italiano ed europeo. L'indice Ftse Mib guadagna l'1,07% e l'indice Ftse Italia All Share l'1,01 per cento. Dopo il recupero dei maggiori indici di Wall Street, le borse asiatiche hanno registrato una chiusura in negativo collegata anche ai cattivi dati macroeconomici locali e al caso Evergrande.

In rialzo i rendimenti del debito sovrano Ue. Quello del BTP decennale recupera 2 punti base riportandosi alla 0,70% Lo spread BTP/Bund si pone a quota 101 punti base.

Borsa Italiana in calo: male le utility e moda

Avvio sottotono per l'azionario italiano nel contesto di indici europei contrastati. A Milano il Ftse Mib segna un calo dello 0,2% come il Ftse Italia All Share.
In lieve rialzo (di un punto base) i rendimenti dei maggiori titoli del debito pubblico europeo, lo spread BTP/Bund si pone a 98 punti base. In Italia il governo lavora al "super green pass", ossia all'allargamento dell'obbligo di certificato verde non solo alla pubblica amministrazione, ma anche a parte dei privati.

Borsa Italiana sopra il riferimento, bene Amplifon e i petroliferi

I maggiori indici azionari italiani mostrano performance leggermente positive in avvio di seduta tra indici europei contrastati. Fanno bene il FTSE MIB (+0,14%) e il FTSE Italia All share (+0,07% ) mentre il FTSE Italia Mid Cap segna un -0,52 per cento.

Durante i primi scambi il rendimento del BTP decennale risulta invariato allo 0,69% con uno spread sul Bund in calo di 2 punti base a 101 pb.

Pages

Subscribe to RSS - Titoli Caldi della seduta in corso