FTAOnline

Notizie

7 minuti fa
Opa H-Farm, l'offerente CGN Futuro compra 775.500 sotto il prezzo dell'offerta

Con riferimento all'offerta pubblica di acquisto obbligatoria totalitaria, ai sensi dell'articolo 106, comma 3, lettera b) del TUF e dell'articolo 46 del Regolamento Emittenti Consob, applicabili per richiamo volontario operato dall'articolo 11 dello statuto sociale (l'"Offerta"), promossa congiuntamente da EFARM S.r.l. e CGN Futuro S.r.l. (gli "Offerenti"), su azioni ordinarie di H-FARM S.p.A. ("H-FARM"), comunicata al mercato in data 23 febbraio 2024 (l'"Offerta"), si rende noto, ai sensi dell'art. 41, comma 2, lett. c) del Regolamento Emittenti Consob, che in data 1° marzo 2024 l'offerente CGN Futuro S.r.l. ha acquistato n. 775.500 azioni ordinarie di H-FARM al prezzo di Euro 0,149 per azione.

Si precisa che l'acquisto delle azioni ordinarie di H-FARM, come sopra evidenziato, è avvenuto ad un prezzo inferiore al corrispettivo offerto per ciascuna azione ordinaria nel contesto dell'Offerta (i.e. 0,15).

Con le azioni ordinarie di H-FARM acquistate in data 1° marzo 2024, l'Offerente CGN Futuro S.r.l. risulta detenere complessivamente n. 47.210.535 azioni ordinarie di H-FARM pari al 23,59% dell'intero capitale sociale di H-FARM. Si segnala, inoltre, che il 50% delle azioni ordinarie di H-FARM acquisite in data odierna da CGN Futuro S.r.l. verranno trasferite all'Offerente E-Farm S.r.l., secondo quanto previsto dall'accordo quadro sottoscritto dagli Offerenti.

GD - www.ftaonline.com

8 minuti fa
Turchia: in febbraio tasso d'inflazione sale al 67,07% annuo

Secondo quanto comunicato dal Türkiye ?statistik Kurumu (l'Ufficio nazionale di statistica di Ankara), in febbraio il tasso d'inflazione sale ulteriormente in Turchia al 67,07% annuo, dal 64,86% di gennaio (64,77% in dicembre), contro il 65,74% del consensus. La media mobile degli ultimi 12 mesi aumenta invece al 55,91% dal 54,72% precedente (53,86% in dicembre). Su base mensile l'indice dei prezzi al consumo cresce del 4,53% contro il 6,70% di gennaio (2,93% in dicembre) e il 3,70% stimato dagli economisti.

RR - www.ftaonline.com

12 minuti fa
Piazza Affari in lieve calo. Scende Ferrari, Diasorin sale. FTSE MIB -0,2%

Piazza Affari in lieve calo. Scende Ferrari, Diasorin sale. FTSE MIB -0,2%.


Il FTSE MIB segna -0,2%, il FTSE Italia All-Share -0,1%, il FTSE Italia Mid Cap +0,4%, il FTSE Italia STAR +0,0%.

Mercati azionari europei in ordine sparso:
Euro Stoxx 50 +0,2%, FTSE 100 -0,3%, DAX +0,0%, CAC 40 -0,1%, IBEX 35 +0,1%.

Future sugli indici azionari americani incerti: S&P 500 -0,0%; NASDAQ 100 +0,1%; Dow Jones Industrial -0,2%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,80% (nuovo massimo storico); NASDAQ Composite +1,14% (nuovo massimo storico); Dow Jones Industrial +0,23%.

Mercato azionario giapponese in ulteriore progresso: l'indice Nikkei 225 ha terminato a +0,50% (nuovo massimo storico). Borse cinesi appena sopra la parità. L'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +0,09%, l'indice Hang Seng di Hong Kong al momento segna +0,04%.

Euro sui massimi da giovedì scorso contro dollaro. EUR/USD al momento segna 1,0845 circa.

BTP in miglioramento, stabile lo spread. Il rendimento del decennale segna 3,88% (chiusura precedente a 3,92%), lo spread sul Bund 146 bp (146) (dati MTS).

Diasorin +5,1% scatta in avanti grazie all'annuncio dell'ok ricevuto dalla Food and Drug Administration (FDA) americana per la nuova piattaforma LIAISON PLEX® e per il suo primo pannello di test, il LIAISON PLEX® Respiratory Flex Assay. La piattaforma "espande e consolida il posizionamento unico di Diasorin nel mercato del multiplexing sindromico che ha un valore globale di circa $ 2,9 miliardi e che si stima crescerà fino a circa $ 4 miliardi entro il 2027".

Saipem, +3,6% a 1,8875 euro, guadagna ulteriore terreno e tocca i massimi dall'estate 2022. Il titolo sfrutta ancora i risultati preliminari 2023 superiori alle attese, con miglioramento degli obiettivi 2024 e di piano 2024-2027 e ritorno al dividendo nel 2025. Morgan Stanley conferma la raccomandazione overweight e incrementa il target da 2,15 a 2,60 euro.

Vendite su Ferrari, -2,9% a 381 euro, che accusa la decisione di Citigroup di peggiorare la raccomandazione sul titolo da neutral a sell con prezzo obiettivo incrementato di circa il 7% a 329 euro. Gli analisti non trovano giustificazioni alle quotazioni attuali dato che prevedono una crescita 2024 in rallentamento. Ferrari ha chiuso l'esercizio 2023 con ricavi in crescita del 17,2% a/a a 5,97 miliardi di euro e utile netto 1.257 milioni, +34% a/a, entrambi sopra le attese.

Fincantieri -1,9% perde terreno in scia alle indiscrezioni di MF: il gruppo sta pensando di effettuare acquisizioni nel settore difesa. L'operazione potrebbe essere finanziata con un aumento di capitale da 400 milioni di euro.

In rosso Ferretti Group -1,8%: venerdì il costruttore di Yacht di lusso ha comunicato il recesso dal programma di bonifica e reindustrializzazione del sito ex Yard Belleli nell'area portuale di Taranto.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 10:30 indice Sentix (fiducia investitori) eurozona.

Simone Ferradini - www.ftaonline.com

28 minuti fa
Reti, nel 2023 Ebitda +19%, Utile netto +50%, proposto dividendo da € 0,058

Il Consiglio di Amministrazione di Reti, tra i principali player italiani nel settore dell'IT Consulting, specializzata nei servizi di System Integration, B Corp e società benefit quotata su Euronext Growth Milan, ha approvato in data 1° marzo 2024 il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2023.

Bruno Paneghini, Presidente e Amministratore Delegato di Reti: "Nel 2023 il mercato digitale, animato dal fenomeno tecnologico dell'Intelligenza Artificiale, si è espresso in tutta la sua dinamicità sottolineando ancora una volta, al mondo del business, la necessaria urgenza della digitalizzazione delle aziende e l'investimento di risorse umane e capitali nell'innovazione tecnologica. Di pari passo la stessa accelerazione ha interessato i Digital Enabler su cui RETI pone la propria attenzione: dal Cloud ai Big Data, dall'IoT alle soluzioni avanzate di Cybersecurity.

La solidità del nostro modello di business, di innovazione sostenibile e la nostra capacità di lettura dei trend di mercato, ci hanno permesso di riconfermare l'andamento positivo dei nostri dati: la crescita del Valore della Produzione a 30,9 milioni di Euro, con un EBITDA margin del 11,31% e 372 dipendenti".

Principali risultati al 31 dicembre 2023

Il Valore della Produzione è pari a 30,93 milioni di euro, +11% rispetto a 27,81 milioni di euro nel 2022; l'incremento è imputabile al consolidamento delle attività presso i clienti storici e all'ampliamento del portafoglio clienti a livello nazionale e internazionale, sviluppato anche attraverso l'acquisizione di nuove commesse e la sottoscrizione di nuove partnership che hanno contribuito all'incremento della marginalità operativa registrata nel periodo.

La crescita è stata trainata dalla linea IT Solutions, che costituisce la principale linea di business di Reti con un'incidenza del 59% sui ricavi complessivi, seguita dalla linea Managed service provider che cresce del 9% rispetto al 2022 e che rappresenta il 15% dei ricavi complessivi.

L'EBITDA è pari a 3,50 milioni di euro, in crescita del 19% rispetto a 2,94 milioni di euro nel 2022, e rappresenta l'11,31% del Valore della Produzione (10,57% nel 2022); l'incremento è principalmente riconducibile ad una ottimizzazione della gestione delle attività progettuali, accompagnato dalla crescita del Valore della Produzione di cui sopra. Si evidenzia un incremento del costo del personale, pari a 19,34 milioni di euro rispetto a 17,74 milioni di euro nel 2022, a fronte delle nuove assunzioni effettuate.

Il numero medio di dipendenti al 31 dicembre 2023 è pari a 366, con un incremento di 21 unità rispetto al 31 dicembre 2022.

L'EBIT è pari a 2,27 milioni di euro, in crescita del 33% rispetto a 1,71 milioni di euro nel 2022, dopo ammortamenti per 1,18 milioni di euro.

L'Utile ante-imposte (EBT) è pari a 2,12 milioni di euro, in crescita del 43% rispetto a 1,49 milioni di euro nel 2022. La gestione finanziaria presenta un saldo negativo pari a 0,20 milioni di euro, in miglioramento rispetto a 0,27 milioni di euro nel 2022.

L'Utile Netto è pari a 1,47 milioni di euro, in crescita del 50% rispetto a 0,98 milioni di euro nel 2022, dopo imposte per 0,66 milioni di euro (0,50 milioni di euro nel 2022).

Il Patrimonio Netto è pari a 8,72 milioni di euro (8,11 milioni di euro al 31 dicembre 2022). Le variazioni del patrimonio netto si riferiscono alla destinazione del risultato del passato esercizio in parte a riserve, in parte alla distribuzione dei dividendi nonchè al riacquisto delle azioni proprie sul mercato a seguito del piano di acquisto e disposizione di azioni proprie approvato dall'Assemblea ordinaria in data 04 agosto 2022 e conclusosi in data 04 febbraio 2024 (cfr comunicato in data 06 febbraio us).

L'Indebitamento Finanziario Netto è pari a 3,98 milioni di euro in miglioramento rispetto a 6,21 milioni di euro al 31 dicembre 2022. L'Indebitamento Finanziario Netto Core Business è pari a 1,86 milioni di euro (2,1 milioni di euro del 31 dicembre 2022), mentre l'Indebitamento Finanziario Netto relativo allo sviluppo del Campus Tecnologico risulta pari a 2,12 milioni di euro, in sensibile miglioramento rispetto a 4,1 milioni di euro del 31 dicembre 2022.

Proposta di destinazione dell'utile d'esercizio

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all'Assemblea degli Azionisti la seguente destinazione dell'utile d'esercizio, pari a Euro 1.467.142:

* destinare 60.601,54 Euro a riserva legale;

* distribuire un dividendo ordinario lordo, pari a 0,058 Euro per ognuna delle azioni ordinarie che risulteranno in circolazione (escluse le azioni proprie in portafoglio) nel giorno di messa in pagamento di detto dividendo. Il dividendo ordinario sarà messo in pagamento a partire dal 17 aprile 2024, con stacco cedola il 15 aprile 2024 e record-date il 16 aprile 2024;

* destinare a riserva straordinaria il residuo, il cui esatto ammontare sarà determinato solo successivamente, in relazione al definitivo numero di azioni aventi diritto a percepire la distribuzione del dividendo alla data in cui lo stesso maturerà. Il dividend yield risulta pari al 2,32% rispetto all'ultimo prezzo di chiusura, mentre il payout ratio risulta pari al 48,78%.

Proposta l'approvazione dell'autorizzazione all'acquisto e disposizione di azioni proprie

Alla data odierna, la Società è titolare di n. 159.000 azioni proprie, rappresentanti circa l'1,272% del capitale sociale complessivo. Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di sottoporre all'approvazione dell'Assemblea degli Azionisti la proposta di autorizzazione all'acquisto e alla disposizione di azioni proprie.

La proposta è finalizzata a dotare la Società di una utile opportunità strategica di investimento per le finalità consentite dalla normativa in materia, incluse le finalità contemplate nell'art. 5 del Regolamento (UE) 596/2014 (Market Abuse Regulation, di seguito "MAR") e nelle prassi ammesse a norma dell'art. 13 MAR, tra cui, a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo:

(i) effettuare attività di sostegno alla liquidità delle azioni, così da favorire il regolare svolgimento delle negoziazioni ed evitare movimenti dei prezzi non in linea con l'andamento del mercato, ai sensi delle prassi di mercato ammesse pro-tempore vigenti;

(ii) incentivare e fidelizzare i dipendenti, collaboratori, amministratori della Società, eventuali società controllate e/o altre categorie di soggetti discrezionalmente scelti dal Consiglio di Amministrazione (nell'ambito di piani di incentivazione azionaria, in qualunque forma strutturati, ad esempio stock option, stock grant o piani di work for equity);

(iii) impiego delle azioni come corrispettivo in operazioni straordinarie, anche di scambio di partecipazioni, con altri soggetti, da realizzarsi mediante permuta, conferimento o altro atto di disposizione e/o utilizzo, inclusa la destinazione al servizio di prestiti obbligazionari convertibili in azioni della Società o prestiti obbligazionari con warrant;

(iv) poter eventualmente disporre, ove ritenuto strategico per la Società, di opportunità di investimento o disinvestimento anche in relazione alla liquidità disponibile, il tutto comunque nei termini e con le modalità che saranno eventualmente deliberati dai competenti organi sociali.

L'autorizzazione viene richiesta per l'acquisto di azioni proprie per un controvalore massimo acquistato di Euro 1.000.000,00, in una o più volte, fino a un numero massimo di azioni acquistate che, tenuto conto delle azioni Reti S.p.A. di volta in volta detenute in portafoglio dalla Società e dalle società da essa eventualmente controllate, non sia complessivamente superiore al 20% del capitale sociale della Società, ai sensi dell'art. 25- bis del Regolamento Emittenti EGM o all'eventuale diverso ammontare massimo previsto dalla legge pro tempore vigente.

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all'Assemblea che le operazioni di acquisto di azioni proprie siano effettuate sul sistema multilaterale di negoziazione Euronext Growth Milan ad un corrispettivo unitario non inferiore né superiore di oltre il 25% rispetto al prezzo ufficiale di Borsa delle azioni registrato da Borsa Italiana S.p.A. nella seduta precedente ogni singola operazione, nel rispetto in ogni caso dei termini e delle condizioni stabilite dalla normativa anche comunitaria applicabile e dalle prassi di mercato ammesse tempo per tempo vigenti, ove applicabili, e in particolare:

(i) non potranno essere acquistate azioni a un prezzo superiore al prezzo più elevato tra il prezzo dell'ultima operazione indipendente e il prezzo dell'offerta di acquisto indipendente corrente più elevata nella sede di negoziazione dove viene effettuato l'acquisto;

(ii) in termini di volumi, i quantitativi giornalieri di acquisto non eccederanno il 25% del volume medio giornaliero degli scambi del titolo Reti nei 20 giorni di negoziazione precedenti le date di acquisto.

L'autorizzazione all'acquisto delle azioni proprie viene richiesta per un periodo di 18 mesi, a far data dall'eventuale delibera di approvazione della proposta da parte dell'Assemblea ordinaria, mentre l'autorizzazione alla disposizione delle azioni proprie verrà richiesta senza limiti temporali al fine di consentire al Consiglio di Amministrazione di avvalersi della massima flessibilità, anche in termini temporali, per effettuare gli atti di disposizione delle azioni.

Gli atti di disposizione delle azioni proprie acquistate potranno avvenire, in una o più volte, senza limiti temporali, nei modi ritenuti più opportuni nell'interesse della Società e nel rispetto della normativa applicabile, per le finalità richiamate, e in particolare:

(i) le disposizioni delle azioni potranno essere effettuate, in una o più volte, anche prima di avere esaurito il quantitativo di azioni proprie che può essere acquistato;

(ii) le disposizioni delle azioni potranno essere effettuate con ogni modalità che sia ritenuta opportuna al conseguimento dell'interesse della Società e delle finalità di cui alla Relazione Illustrativa del Consiglio e in ogni caso nel rispetto della normativa applicabile e delle prassi di mercato ammesse pro tempore vigenti, attribuendo altresì all'organo amministrativo ed ai suoi rappresentanti il potere di stabilire, nel rispetto delle disposizioni di legge e regolamentari, i termini, le modalità e le condizioni dell'atto di disposizione e/o utilizzo, delle azioni proprie ritenuti più opportuni nell'interesse della Società.

Per ogni ulteriore informazione circa la proposta di autorizzazione all'acquisto e alla disposizione di azioni proprie, si rinvia alla Relazione Illustrativa del Consiglio di Amministrazione all'Assemblea, che verrà pubblicata sul sito internet www.reti.it, sezione Investor – Assemblea degli Azionisti, nonché sul sito internet www.borsaitaliana.it, sezione Azioni/Documenti, entro i limiti di legge.

Relazione integrata sulla gestione 2023 e la Relazione annuale di Impatto 2023

Il Consiglio di Amministrazione ha altresì approvato Relazione integrata sulla gestione 2023 e la Relazione annuale di Impatto 2023, espressione della volontà di Reti di crescere e svilupparsi tenendo in considerazione gli interessi dei diversi stakeholder.

La Relazione annuale di Impatto 2023, in ottemperanza a quanto previsto dalla Legge 28 dicembre 2015 n. 208 in termini di obblighi derivanti dallo status di Società Benefit, sarà resa disponibile entro i termini di legge sul sito www.reti.it, sezione Investor Relations / Sostenibilità.

Fatti di rilievo successivi alla chiusura dell'esercizio

Le aziende più attente al clima 2024 "Corriere della Sera" e "Pianeta 2030" con "Statista" hanno presentato nel mese di gennaio 2024 le "Aziende più attente al clima", selezionate tra 600 realtà con il maggior fatturato o quotate in Borsa Italiana e attive nel Paese, che si sono contraddistinte per il miglior tasso di riduzione dell'intensità delle emissioni tra il 2020 e il 2022.

Per il terzo anno Reti si classifica tra le imprese italiane che hanno ridotto maggiormente il rapporto tra le loro emissioni di CO2 e fatturato, rientrando tra le prime quindici della classifica generale e collocandosi al terzo posto nell'ambito "Tecnologia e IT".

Evoluzione prevedibile della gestione

L'economia globale continua a crescere, seppur a un ritmo meno sostenuto, nonostante l'instabilità internazionale dettata dai conflitti e dall'inflazione crescente, contenuta a livello europeo grazie alle politiche monetarie restrittive attuate dalla BCE.

In questo scenario si stima che il PIL italiano, sulla scia del 2023, continuerà a crescere per tutto l'anno in corso con un tasso del +0,7%. In un sistema volatile, per il mondo enterprise resta fondamentale differenziarsi all'interno del mercato indirizzando le proprie risorse verso investimenti in ricerca e sviluppo e nuove tecnologie, prestando sempre una particolare attenzione alla dimensione ESG dei propri investimenti.

Reti si impegna ad alimentare il sistema di scambio virtuoso con il territorio e la comunità, coinvolgendo attivamente tutti gli stakeholder toccando diverse aree di interesse. Si riportano in sintesi gli obiettivi individuati per il 2024:

* Continuazione del progetto Reti4school

* Proseguimento delle collaborazioni con il Sistema ITS

* Creazione di 20 posti di lavoro

* Assunzione di 15 studenti ITS

* Organizzazione di eventi dedicati all'arte contemporanea e alla sostenibilità sociale e/o ambientale

* Organizzazione di due visite di prevenzione e salute

* Attivazione di una piattaforma di medicina digitale

* Continuazione del programma di formazione specifica su tematiche sociali e ambientali dei manager

* Installazione di nuovi impianti di ricarica

* Progettazione di spazi di Campus Reti utili ad agevolare l'utilizzo di soluzione di mobilità sostenibile

Convocazione di Assemblea Ordinaria e Straordinaria

Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di convocare l'Assemblea Ordinaria e Straordinaria per il giorno 2 aprile 2024 in prima convocazione e, occorrendo, per il 5 aprile 2024 in seconda convocazione, per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:

Sede ordinaria

1) Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2023, deliberazioni inerenti e conseguenti:

1.1 approvazione del Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2023 della Società corredato della Relazione Integrata sulla Gestione e della Relazione di Impatto 2023; esame delle relazioni del Collegio Sindacale e della Società di Revisione. Deliberazioni inerenti e conseguenti;

1.2 destinazione del risultato di esercizio;

2) Conferimento dell'incarico per la revisione legale dei conti ai sensi dell'art. 13 del D.lgs. 39/2010 con riferimento agli esercizi 2024-2026. Deliberazioni inerenti e conseguenti;

3) Autorizzazione all'acquisto e alla disposizione di azioni proprie ai sensi e per gli effetti degli articoli 2357 e seguenti del Codice Civile, nonché dell'articolo 132 del Decreto Legislativo del 24 febbraio 1998 n. 58 e dell'articolo 144-bis del Regolamento Consob adottato con delibera n. 11971/1999 e successive modificazioni. Deliberazioni inerenti e conseguenti.

Sede straordinaria

4) Modifica degli articoli 16 e 21 dello Statuto sociale. Deliberazioni inerenti e conseguenti. L'Avviso di Convocazione dell'Assemblea, che sarà pubblicato entro i termini di legge e di statuto, indicherà altresì le modalità di partecipazione all'adunanza assembleare, in conformità a quanto previsto dalla normativa pro tempore vigente.

Si segnala, altresì, che la documentazione relativa alle materie all'ordine del giorno sarà messa a disposizione del pubblico presso la sede sociale e sul sito www.reti.it, sezione Investitori/Assemblea degli Azionisti, nonché sul sito internet www.borsaitaliana.it, sezione "Azioni/Documenti", ai sensi e nei termini previsti dalla normativa vigente.

Per la trasmissione e lo stoccaggio delle Informazioni Regolamentate, Reti S.p.A. si avvale del sistema di diffusione 1Info (www.1info.it), gestito da Computershare S.p.A. avente sede in Milano, via Lorenzo Mascheroni 19 e autorizzato da CONSOB.

GD - www.ftaonline.com

29 minuti fa
Marvell la migliore del Nasdaq sull'intelligenza artificiale

Marvell Technology Group ha chiuso con un rally dell'8,30% venerdì, segnando la performance migliore del Nasdaq Composite. A sostenere il titolo del produttore di semiconduttori californiano (ma con sede fiscale a Bermuda) ha contribuito la conferma dello strong buy di Cfra, grazie a un positivo outlook sull'intelligenza artificiale. Cfra ha anche alzato il prezzo obiettivo da 70 a 84 dollari (77,61 dollari la chiusura di venerdì). Marvell ha comunque beneficiato anche del clima positivo per il settore dei chip, che ha visto Nvidia in chiusura dell'ottava superare per la prima volta i 2.000 miliardi di capitalizzazione e Advanced Micro Devices (Amd) i 300 miliardi.

RR - www.ftaonline.com

35 minuti fa
Seduta al rialzo venerdì per il future Ftse Mib

Seduta al rialzo venerdì per il future Ftse Mib: il future ha guadagnato l'1,15% a 33005 punti (oscillazione giornaliera tra 32765 e 33025). Sul fronte macro il PMI manifatturiero italiano a febbraio è salito leggermente a 48,7 punti rispetto ai 48,5 di gennaio. In Francia, la lettura finale è stata di 47,1 punti, superiore al preliminare di 46,8, mentre in Germania è stata di 42,5 punti, contro il preliminare di 42,3. A livello dell'Eurozona, il settore manifatturiero mostra segni di sofferenza con una lettura finale di febbraio a 46,5 punti, leggermente superiore al preliminare di 46,1. Il tasso di disoccupazione nell'Eurozona è rimasto stabile al 6,4% a gennaio. Negli Stati Uniti, il PMI manifatturiero è aumentato a 52,2 punti a febbraio rispetto ai 50,7 punti di gennaio, mentre le spese per costruzioni a gennaio sono diminuite dello 0,2%. Infine, l'indice ISM manifatturiero è sceso a 47,8 punti a febbraio, rispetto ai 49,1 di gennaio e al di sotto del consenso a 49,1 punti. Dopo quattro sedute di lateralità venerdì i prezzi hanno ripreso a salire, allontanandosi dal supporto critico dei 32500 punti, dove transitano la media mobile esponenziale a 10 giorni e il lato alto del canale crescente che parte dai minimi di marzo 2023 (linea di resistenza superata il 23 febbraio). Prossimo target per il rialzo a 33400. Resistenza successiva a 33550. Sotto area 32500 attesa invece la ricopertura del gap del 22 febbraio con base a 32220.

AM - www.ftaonline.com

un'ora fa
Piazze cinesi contrastate. Hang Seng in crescita dello 0,04%

In una seduta di generalizzato recupero per i mercati dell'Asia (a Tokyo il Nikkei 225 ha registrato un progresso dello 0,50% sui massimi storici di 40.109,23 punti), le piazze cinesi sono state più contrastate. Shanghai Composite e Shanghai Shenzhen Csi 300 guadagnano lo 0,41% e lo 0,09% rispettivamente, contro il rialzo dello 0,18% dello Shenzhen Composite. Altalenante la performance di Hong Kong: l'Hang Seng vira in positivo in extremis e chiude in crescita per quanto di appena lo 0,04% (segno opposto per l'Hang Seng China Enterprises Index, sottoindice di riferimento nell'ex colonia britannica per la Corporate China, deprezzatosi dello 0,28%). In precedenza a Seoul era stato dell'1,21% il guadagno del Kospi.

RR - www.ftaonline.com

un'ora fa
Promotica: due nuove short collection da 9 milioni di euro

Promotica - agenzia loyalty specializzata nella realizzazione di soluzioni marketing atte ad aumentare le vendite, la fidelizzazione e la brand advocacy quotata su Euronext Growth Milan – comunica di aver avviato due nuove short collection, la prima dedicata a Unicoop Firenze e la seconda dedicata a Coop Alleanza 3.0, per un valore complessivo di 9 milioni di euro.

Questi accordi segnano anche l'inizio della partnership tra Promotica e Bugatti per la realizzazione di campagne fedeltà in Italia e in alcuni mercati esteri. Bugatti è una storica azienda italiana che da 100 anni progetta e realizza prodotti per la tavola e accessori per la cucina. Le promozioni per Unicoop Firenze e quelle per Coop Alleanza 3.0, che termineranno rispettivamente il 3 aprile 2024 e il 12 maggio 2024, prevedono numerosi premi, tra cui set di tazze, tazzine e coppette di vetro con piattino di vetro, barattoli, teiere con filtro, dalle linee moderne ed essenziali.

A questi si aggiungono Uma, la bilancia da cucina originale e unica che grazie alla sua iconica forma è in grado di distinguersi nella tua cucina e di facilitare ogni misurazione e preparazione, lo spremi agrumi elettrico Vita dal design unico e slanciato e, infine, il tostapane Volo che coniuga design, tecnologia e versatilità per dare più gusto alle giornate in cucina e la linea di coltelli.

Clemente Bugatti, Amministratore Delegato di Ilcar di Bugatti S.r.l. ha aggiunto: "Lo scorso anno il gruppo Bugatti ha compiuto 100 anni. Un traguardo che ci ha visto crescere, da quattro generazioni, insieme alle persone che danno vita a idee e azioni perseverando nell'innovazione. Oggi siamo presenti nei migliori Department store e negozi nel mondo con prodotti di design volti agli appassionati dell'arte della tavola, a chi ama stupirsi, stupire, circondarsi di oggetti che portino meraviglia e calore nei rituali fondamentali della vita di tutti i giorni. Collaborare alle campagne di Unicoop Firenze e Coop Alleanza 3.0 ci riempie di orgoglio perché ci consente di poter entrare nelle case di tante famiglie e di essere presenti in un luogo di grande intimità come la cucina e per questo ringraziamo Promotica".

Diego Toscani, Amministratore Delegato di Promotica, ha dichiarato: "Siamo molto soddisfatti di proseguire la collaborazione con Unicoop Firenze e con Coop Alleanza 3.0, perché è una doppia dimostrazione della fiducia riposta nei confronti dei nostri servizi di loyalty. Inoltre, siamo contenti della partnership con Bugatti, azienda italiana con alle spalle una lunga storia e un'intensa passione che riteniamo incontrerà i favori dei consumatori. Questa collaborazione testimonia la nostra capacità di proporre sempre novità in ambito loyalty e di continuare a sostenere i nostri clienti con prodotti e soluzioni capaci di fidelizzare i loro clienti".

GD - www.ftaonline.com

un'ora fa
Borse europee: avvio di settimana poco mosso

Le principali Borse europee hanno aperto la prima seduta della settimana senza grandi variazioni. Il Cac40 di Parigi ed il Ftse100 di Londra cedono lo 0,05% mentre l'Ibex35 di Madrid avanza dello 0,1%. Sulla parità il Dax di Francoforte.
Gli investitori prediligono la prudenza in vista del meeting della Bce di giovedì (non sono previste variazioni del costo del denaro ma si attendono indicazioni sulle prossime mosse).
Tra i titoli in evidenza BNP Paribas +1%. Il gruppo bancario francese ha avviato il programma di acquisto di azioni proprie da 1,055 miliardi di euro.
Evonik Industries +1,5%. Il gruppo chimico ha confermato il dividendo di 1,17 euro per azione ed ha annunciato l'intenzione di tagliare 2.000 posti di lavoro su scala globale entro il 2026 con l'obiettivo di ridurre i costi.
Sensirion Holding +1%. Berenberg ha avviato la copertura sul titolo del produttore di microsensori digitali con rating "buy".
Sul fronte macroeconomico in Spagna il numero di disoccupati, secondo quanto comunicato dal Ministerio de Trabajo y Economía Social (il ministero del Lavoro di Madrid), in febbraio è calato di 7.452 unità, contro il precedente progresso di 60.404 (27.375 il declino di dicembre) e il rialzo di 50.000 unità del consensus. Il numero complessivo di disoccupati si attesta a 2,76 milioni, 150.607 in meno rispetto al febbraio 2023.

RV - www.ftaonline.com

un'ora fa
Spagna: in febbraio numero disoccupati calato di 7.452 unità

Secondo quanto comunicato dal Ministerio de Trabajo y Economía Social (il ministero del Lavoro di Madrid), in febbraio il numero di disoccupati è calato in Spagna di 7.452 unità, contro il precedente progresso di 60.404 (27.375 il declino di dicembre) e il rialzo di 50.000 unità del consensus. Il numero complessivo di disoccupati si attesta a 2,76 milioni, 150.607 in meno rispetto al febbraio 2023.

RR - www.ftaonline.com

un'ora fa
Spindox, valore della produzione a € 99,8 mln (+21,2%)

Il Consiglio di Amministrazione di Spindox, società di riferimento nel mercato dei servizi e dei prodotti ICT (Information & Communication Technology) destinati all'innovazione digitale nel business delle imprese, ha approvato in data 1° marzo 2024 i principali dati economico-finanziari consolidati relativi all'intero esercizio 2023, non assoggettati a revisione contabile.

Il valore della produzione consolidato è pari a euro 99,8 milioni, in crescita del 21,2% rispetto al 2022.

I principali fenomeni che hanno permesso la positiva performance del Gruppo sono costituiti dai maggiori volumi realizzati nell'ambito dei settori merceologici Manufacturing & Retail, Automotive e Diversified Industries, nonché dai successi conseguiti riguardo i servizi di sicurezza informatica.

La società controllata Oplium Italia S.r.l., costituita all'inizio del 2022 e operante nell'ambito della cybersecurity, ha realizzato nel 2023 un valore della produzione di euro 3,2 milioni rispetto all'importo di euro 1,0 milioni conseguito nel 2022.

Riguardo il contributo all'incremento del valore della produzione del 2023 fornito da Deep Consulting S.r.l., l'ultima società entrata nel Gruppo Spindox, tale importo è risultato pari a circa euro 7,0 milioni. Si ricorda che l'acquisto della totalità delle quote che compongono il capitale sociale di Deep Consulting S.r.l. è stato perfezionato all'inizio del quarto trimestre dell'esercizio 2022.

L'EBITDA consolidato ammonta a euro 7,2 milioni, in crescita del 14,6% rispetto al 2022, con una marginalità pari al 7,2% del valore della produzione (era del 7,7% al termine dell'esercizio 2022). La marginalità realizzata dal Gruppo Spindox nel corso del 2023 è rimasta costantemente sotto pressione a causa, in particolare, di significativi investimenti di pre-vendita. Il management del Gruppo si attende, grazie alle azioni attualmente in corso di implementazione, un graduale miglioramento dei margini nel corso dell'esercizio 2024.

L'Indebitamento Finanziario Netto consolidato al 31 dicembre 2023 risulta pari a euro 2,9 milioni, rispetto a un valore pari a euro 3,9 milioni al 31 dicembre 2022.

La variazione positiva di euro 1,0 milioni consegue ai seguenti eventi:

a) Il positivo riflesso finanziario dei margini economici generati dall'attività operativa del Gruppo nel corso del 2023 pari a circa euro 4,9 milioni.

b) Investimenti che hanno determinato assorbimento di liquidità pari a circa euro 2,4 milioni, di cui circa euro 0,7 milioni riguardanti la piattaforma di decision intelligence Ublique;

c) Assorbimento di cassa relativo all'impatto degli oneri finanziari netti pari a circa euro 1,5 milioni;

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Spindox., Paolo Costa, ha così commentato i dati approvati in data 1° marzo 2024: «La Società chiude il 2023 con una performance ragguardevole dal punto di vista dei ricavi. Anche nell'anno appena trascorso siamo cresciuti di oltre il 21%, ovvero in misura molto maggiore rispetto alla media del nostro mercato di riferimento. Ciò è senz'altro motivo di soddisfazione. L'EBITDA margin (7,2%) non ha fatto registrare una crescita proporzionale, fermandosi a valori di poco inferiori rispetto a quelli del 2022. Questo ci conferma ulteriormente nella volontà di portare avanti, nel corso del 2024 e degli anni successivi, una strategia basata sulla focalizzazione sul business a maggior valore e su un impiego più efficace delle nostre risorse.

Fra gennaio e febbraio abbiamo implementato importanti cambiamenti organizzativi, sia a livello delle unità produttive sia per quanto riguarda la struttura commerciale. Pensiamo che tale riorientamento strategico, destinato a proseguire nei prossimi mesi, si rifletterà in modo positivo sulla marginalità, soprattutto nella seconda metà del 2024.

Ciò non significa rinunciare alla crescita, ma semmai andare a cercare le opportunità di crescita più profittevoli, che sono fondate sulle nostre competenze tecnologiche distintive e su ciò che sappiamo fare meglio.».

GD - www.ftaonline.com

un'ora fa
Borse europee in avvio: EURO STOXX 50 +0,1%

EURO STOXX 50 +0,1%;
Londra (FTSE 100) -0,2%;
Francoforte (DAX) -0,0%;
Parigi (CAC 40) -0,1%;
Madrid (IBEX 35) +0,1%.

SF - www.ftaonline.com

un'ora fa
Svizzera: a febbraio indice prezzi cresciuto dell'1,2% annuo

Secondo quanto comunicato dal Bundesamt für Statistik (Bfs, l'ufficio nazionale di statistica elvetico), in febbraio l'indice dei prezzi al consumo è cresciuto in Svizzera dell'1,2% annuo, in lieve rallentamento rispetto all'1,3% di gennaio (1,7% in dicembre) ma sopra all'1,1% del consensus. Su base mensile l'indice è invece salito dello 0,6% dopo lo 0,2% precedente (invariata la lettura di dicembre) e contro lo 0,5% stimato dagli economisti.

RR - www.ftaonline.com

2 ore fa
Italia: immatricolazioni auto +12,8% a febbraio


Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti comunica che a febbraio 2024 sono state immatricolate 147.094 autovetture a fronte delle 130.405 iscrizioni registrate nello stesso mese dell'anno precedente, pari ad un aumento del 12,80%.
I trasferimenti di proprietà sono stati 476.067 a fronte di 413.223 passaggi registrati a febbraio 2023, con un aumento del 15,21%.
Il volume globale delle vendite mensili, pari a 623.161, ha interessato per il 23,60% vetture nuove e per il 76,40% vetture usate.
Le immatricolazioni rappresentano le risultanze dell'Archivio Nazionale dei Veicoli al 29.2.2024, mentre i dati relativi ai trasferimenti di proprietà si riferiscono alle certificazioni rilasciate dagli Uffici della Motorizzazione nel mese di febbraio 2024.

RV - www.ftaonline.com

2 ore fa
Per Daly Fed taglierà i tassi quando i dati lo richiederanno

Secondo Mary Daly, president della Federal Reserve Bank (Fed) di San Francisco, l'istituto centrale di Washington taglierà i tassi d'interesse Usa quando i dati lo richiederanno ma al momento non c'è alcuna necessità urgente di intervenire, considerando la solidità dell'economia. "Non c'è alcun rischio imminente che l'economia vacilli. Siamo pronti a fare mosse e ad adeguarci quando i dati ci richiederanno di farlo", ha dichiarato intervistata nel programma Wall Street Week di Bloomberg Television, precisando che mercato del lavoro, spesa dei consumatori e crescita economica non destano timori.

RR - www.ftaonline.com

2 ore fa
KME SE firma contratto per l'acquisizione di Sundwiger Messingwerk GmbH

KME Group S.p.A. comunica che la sua controllata KME SE ha firmato un contratto relativo all'acquisizione del 100% delle azioni di Blackhawk Holding GmbH, holding tedesca che detiene il 100% di Sundwiger Messingwerk GmbH ("Operazione"). Sundwiger Messingwerk GmbH ("SMW"), è leader europeo nel settore dei semilavorati laminati in bronzo oltrechè produttore di semilavorati laminati in ottone. Con circa 320 dipendenti a Hemer (Renania), dove si trovano l'headquarter ed il principale stabilimento, SMW ha realizzato nel 2022 un fatturato di circa Euro 245 milioni ed un Ebitda di circa Euro 16 milioni. Storicamente parte del gruppo Diehl, SMW è stata acquisita circa tre anni fa da un gruppo di investitori riuniti nella società Blackhawk Holding GmbH, oggi oggetto di acquisizione da parte di KME SE. Il prezzo previsto dell'acquisizione sarà di circa Euro 62 milioni (incluso lo stock di metallo) e sarà pagato per Euro 41 milioni al closing e per il residuo mediante un vendor loan a tre anni senza interessi. L'Operazione sarà finanziata con l'impiego di fonti proprie per quanto riguarda il valore dell'equity e con il finanziamento di terzi per il capitale circolante. Il closing dell'Operazione, previsto per la metà del 2024, è soggetto all'avverarsi di alcune condizioni sospensive, tra le quali l'approvazione da parte delle competenti autorità antitrust. L'Operazione si inserisce nel contesto della strategia del gruppo KME di rafforzamento del core business dei laminati in rame e leghe di rame, al fine di sviluppare ulteriormente l'importante know-how produttivo ed il portafoglio prodotti, con l'obiettivo di realizzare efficienze operative e di fornire il miglior servizio possibile alla clientela.

RV - www.ftaonline.com

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy