Piazza Affari positiva. Leonardo e Atlantia in evidenza

Piazza Affari positiva. Leonardo e Atlantia in evidenza. FTSE MIB +0,2%.

Il FTSE MIB segna +0,2%, il FTSE Italia All-Share +0,2%, il FTSE Italia Mid Cap +0,1%, il FTSE Italia STAR -0,2%.

BTP e spread in lieve miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,67% (chiusura precedente a 0,70%), lo spread sul Bund 100 bp (da 101) (dati MTS).

Mercati azionari europei in verde: EURO STOXX 50 -0,1%, FTSE 100 +0,9%, DAX +0,2%, CAC 40 +0,3%, IBEX 35 +0,2%.

Future sugli indici azionari americani positivi: S&P 500 +0,1%, NASDAQ 100 +0,2%, Dow Jones Industrial +0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,10%, NASDAQ Composite -0,05%, Dow Jones Industrial -0,29%.

Mercato azionario giapponese poco sopra la parità, l'indice Nikkei 225 ha terminato a +0,12%. Borse cinesi negative: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,71%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -1,0%.

Atlantia +1,2% in recupero grazie alla prospettiva di un'offerta per Autostrade alternativa a quella del consorzio guidato da CDP. Ieri il presidente della spagnola Acs, Florentino Perez, ha aperto alla possibilità di creare un polo autostradale europeo con Autostrade, forte della compartecipazione in Abertis. Intanto, secondo indiscrezioni di stampa, i Benetton stanno tentando di convincere gli altri azionisti di Atlantia ad accettare l'offerta del consorzio CDP: domani il cda della holding effettuerà un primo esame della proposta.

Leonardo, +1,4% a 7,2320 euro, guadagna ulteriore terreno in scia alla decisione di ieri di Morgan Stanley di migliorare la raccomandazione sul titolo a overweight, con target a 8,30 euro.

Alkemy +7,4% balza sui massimi da ottobre 2019 grazie all'annuncio dell'acquisto del 51% di XCC, società specializzata in soluzioni di Cloud Computing in ambito CRM. La società ha anche siglato un accordo d'investimento per rilevare il restante 49%.

In verde Unieuro +0,8% dopo che Iliad Italia ha annunciato l'acquisto di una partecipazione pari a circa il 12% del capitale sociale, diventando il primo azionista del distributore di elettronica. Le due società collaborano da due anni nella distribuzione di SIM dell’operatore telefonico attraverso le Simbox situate in 200 dei 500 punti vendita Unieuro. Ricordiamo che Iliad si appresta a entrare nel mercato della rete fissa di telefonia.

Maire Tecnimont accelera al rialzo in scia alla notizia dell'aggiudicazione del contratto per i lavori di riabilitazione del complesso di raffinazione della Port Harcourt Refinery Company Limited, situato a Port Harcourt, nel Rivers State, in Nigeria. Il complesso è controllata di Nigerian National Petroleum Company (NNPC), l’ente petrolifero nazionale. Il contratto è stato assegnato Federal Executive Council nigeriano e ha un valore complessivo di circa 1,5 miliardi di dollari (1,27 miliardi di euro). Sotto il profilo grafico Maire Tecnimont sta risalendo velocemente la china in direzione dei massimi di marzo a 2,74 euro, allineati a quelli di febbraio 2020. Una vittoria su questo riferimento critico aprirebbe spazi di crescita in direzione di 3,00 euro almeno. Discese sotto 2,38 segnalerebbero invece un possibile esaurimento della forza degli ultimi mesi per supporti a 2,10 circa.