Tenaris scivola sui minimi da fine febbraio

Tenaris scivola sui minimi da fine febbraio a 8,49 euro dopo i conti del primo trimestre in calo e inferiori alle attese degli analisti. I ricavi scendono del 33% a/a a 1,182 miliardi di dollari (consensus Bloomberg 1,199), l'EBITDA scende del 30% a/a a 196 milioni con margine a 16,6% (consensus 209 e 17,5%), il risultato netto dei soci si attesta a +106 milioni da -660 (consensus +57). Il gruppo prevede per i prossimi trimestri un miglioramento della situazione per quanto riguarda ricavi ed EBITDA: il margine EBITDA è atteso al 20% nel terzo trimestre 2021. Banca Akros ha alza il prezzo obiettivo su Tenaris da 8,7 a 10,5 euro e ha confermato il giudizio "accumulate" dopo i conti del primo trimestre. Equita Sim conferma il rating "buy" con prezzo obiettivo a 11 euro. Più cauti gli esperti di Kepler Cheuvreux, la lora raccomandazione è "hold", il prezzo obiettivo fissato a 9 euro. Per Kepler i conti del primo trimestre sono perfettamente in linea con le attese mentre per quello che riguarda l'outlook Tenaris ha fornito un messaggio cauto ma costruttivo e conferma che dovrebbe conseguire un Ebitda margin vicino al 20% entro la fine dell'anno. Al contrario Intesa Sanpaolo ha messo la raccomandazione su Tenaris in revisione  dopo i conti del primo trimestre anche se i risultati sono stati in linea con il consenso. Il titolo ha terminato giovedì a 8,66 euro, in netto calo dalla chiusura precedente a 9,29. I minimi di giornata a 8,49 poggiano però sul supporto offerto quell'area dalla base del canale crescente che sale dai minimi di ottobre (un canale è una coppia di linee parallele che contiene l'andamento dei prezzi). Fino a che questa trend line sarà intatta le attese sono in favore di un rimbalzo. Oltre i 9 euro prima resistenza a 9,30, poi a 9,65, trend line che scende dal top di marzo. Oltre 9,65 il target si sposterebbe a 11,05, lato alto del citato canale. Sotto area 8,50 rischio invece di test a 8,08 della media mobile esponenziale a 100 giorni, poi di area 7,70, base del gap del 25 febbraio.