De' Longhi tocca un nuovo massimo storico

De' Longhi tocca a 36,78 euro il nuovo massimo storico dopo la notizia del perfezionamento di emissione e collocamento di titoli obbligazionari a 20 anni unsecured non convertibili presso investitori istituzionali statunitensi per l’importo di 150 milioni di euro. L'operazione si innesta nell'ambito della strategia di allungamento della durata media effettiva del portafoglio di debito di Gruppo e per approfittare di condizioni di mercato molto favorevoli: gli interessi dalla data di sottoscrizione sono pari a un tasso fisso dell’1,18%. Il titolo archivia la seduta di giovedì a 36,34 euro, in crescita del 2,42%. Le quotazioni si trovano quindi al di sopra, anche se solo marginalmente, della resistenza offerta a 36,18 euro dal picco del 12 marzo. Se il titolo riuscirà a mantenersi al di sopra di area 36 euro anche nelle prossime sedute diverrà probabile il test del lato alto del canale crescente disegnato dai minimi di marzo 2020, passante a 41,15 euro circa. Solo la violazione di area 36 potrebbe fare temere il test del picco del 15 febbraio a 34,58 euro. Supporto successivo a 32 euro, base del gap rialzista dell'11 marzo.