FTAOnline

La cancellazione di bond rischiosi di Credit Suisse sta causando preoccupazioni nel mercato dei debiti bancari

di Alessandro Magagnolipubblicato:

La fusione di emergenza di Credit Suisse con UBS cancellerà circa CHF 16 miliardi di bond Tier 1 aggiuntivi della banca, come dichiarato dal regolatore finanziario svizzero Finma.

La cancellazione di bond rischiosi di Credit Suisse sta causando preoccupazioni nel mercato dei debiti bancari

Cancellazione dei bond AT1 di Credit Suisse solleva preoccupazioni nel mercato del debito bancario

La cancellazione dei bond più rischiosi di Credit Suisse potrebbe suscitare preoccupazioni nel mercato del debito bancario del valore di $250 miliardi. La fusione di emergenza di Credit Suisse con UBS cancellerà circa CHF 16 miliardi di bond Tier 1 aggiuntivi della banca, come dichiarato dal regolatore finanziario svizzero Finma.

Tale cancellazione ha già causato una diminuzione dei titoli europei e asiatici AT1, con uno dei bond di HSBC Holdings che è sceso del 8% a 88 centesimi sul dollaro. Inoltre, un fondo AT1 di Invesco del valore di circa $1 miliardo è diminuito dell'8,7%, mentre un fondo simile di WisdomTree è sceso del 6,3%. I bond AT1 di UBS nel 2025 sono scesi a circa 85 centesimi sul dollaro, rispetto ai 93 centesimi di venerdì, secondo Tradeweb.

Ci sono molti bond AT1 in circolazione, per un totale di circa $254 miliardi. Questi titoli sono i più scambiati dalle banche e pagano tassi di interesse elevati poiché possono essere convertiti in azioni o cancellati in caso di difficoltà, riducendo le passività della banca. Gli acquirenti di questi titoli sono principalmente compagnie assicurative, fondi pensione e investitori individuali al di fuori dell'Europa, anche se gli investitori europei possono acquistarli indirettamente attraverso fondi internazionali.

I bond AT1 sono stati concepiti come strumento per consentire alle banche di aumentare il proprio capitale in modo flessibile e meno costoso rispetto all'emissione di azioni. Inoltre, la loro struttura bail-in, che prevede la conversione automatica dei titoli di una banca in azioni in caso di difficoltà finanziarie, riduce il rischio per i contribuenti e gli investitori. Tuttavia, i bond AT1 sono anche un prodotto finanziario complesso e rischioso che richiede una valutazione accurata del profilo di rischio della sicurezza da parte degli investitori. La situazione attuale di Credit Suisse evidenzia i rischi associati a questi strumenti e l'importanza di una corretta valutazione del rischio.

Gli investitori che hanno acquistato bond AT1 erano consapevoli del rischio che i titoli potessero diventare senza valore o ridursi a una frazione del loro valore. I bond sono strutturati per consentire loro di essere "bail-in" in determinate circostanze, come indicato nei prospetti di ciascun bond. Ciò può accadere quando i rapporti patrimoniali di un'azienda scendono al di sotto di un certo livello o se i regolatori ritengono una banca non sostenibile. Alcuni bond AT1 si convertono in azioni, mentre altri, come quelli di Credit Suisse, vengono interamente cancellati.

La decisione di cancellare i titoli di debito AT1 di Credit Suisse ha suscitato preoccupazioni tra gli investitori che si chiedono perché i titolari di obbligazioni siano stati cancellati mentre gli azionisti no. Ciò ha fatto temere che strumenti finanziari simili di altre banche europee possano subire perdite e portare a vendite da parte di investitori individuali e istituzionali.

In passato, i detentori di obbligazioni hanno sempre avuto priorità rispetto agli azionisti nella struttura del capitale. Tuttavia, i titoli di debito di Credit Suisse erano diversi da quelli delle altre banche europee in quanto consentivano ai regolatori di cancellarli senza cancellare gli azionisti.

I regolatori dell'Eurozona hanno chiarito questa differenza agli investitori lunedì, affermando che gli strumenti di common equity tier 1 sono i primi a subire perdite e solo dopo la loro piena utilizzazione sarebbe necessario cancellare i titoli di debito Tier 1 aggiuntivi.

"Questo approccio è stato costantemente applicato in passato e guiderà le azioni dei regolatori bancari europei nelle future crisi", si legge nella dichiarazione.

I detentori di obbligazioni AT1 non riceveranno nulla nell'accordo tra le due banche svizzere, mentre gli azionisti riceveranno azioni di UBS che valutano le azioni esistenti di Credit Suisse a circa CHF 0,70. Questo è ben al di sotto del valore di chiusura di venerdì, ma comunque qualcosa.

Anche prima che gli AT1 di Credit Suisse venissero annullati domenica scorsa, le crepe si erano diffuse nel mercato degli AT1 la settimana scorsa.

Le banche italiane

Le banche italiane, in particolare Intesa, BAMI, Fineco e Unicredit, hanno un peso significativo degli AT1 nel loro Tier1 Capital. In particolare, Intesa Sanpaolo ha un peso del 15% pari a 7,2 miliardi di euro, Banco BPM ha un peso del 16% pari a 1,4 miliardi di euro, FinecoBank ha un peso del 34% pari a 500 milioni di euro, e Unicredit ha un peso del 12% pari a 6,1 miliardi di euro.

Portafoglio Bilanciato

Ho creato un portafoglio di titoli italiani che nel 2023, ha generato un utile del +31,02% e consentito di ottenere interessanti dividendi.

Clicca qui!
MegaTrader è un servizio di FtaOnline.com

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy