FTAOnline

Mercati in rialzo: First Republic e Credit Suisse si riprendono

di Alessandro Magagnolipubblicato:

Credit Suisse e First Republic Bank rimbalzano dopo essere state messe in sicurezza. I mercati azionari rimbalzano ma la situazione resta molto delicata.

Mercati in rialzo: First Republic e Credit Suisse si riprendono

Tabella dei Contenuti

First Republic e Credit Suisse invertono la tendenza

Gli indici di borsa degli Stati Uniti hanno chiuso in rialzo giovedì, con le azioni di First Republic che hanno invertito la tendenza (erano arrivate a perdere il 36%) e hanno chiuso in rialzo del 9,98% a 34,27 dollari (ma ancora in calo del 72% a marzo) dopo che il Wall Street Journal ha riportato che le maggiori banche del paese stavano discutendo di un possibile salvataggio congiunto della banca in difficoltà.

Le azioni di Credit Suisse in Svizzera sono salite dopo otto sessioni negative consecutive, seguendo l'annuncio che avrebbe ottenuto un prestito dalla Banca Nazionale Svizzera.

Credit Suisse ha annunciato di aver preso in prestito fino a $53,7 miliardi dalla banca centrale svizzera per rafforzare la sua posizione di liquidità, e le sue azioni sono aumentate del 19%.

Altre azioni bancarie europee, come Julius Baer, UBS Group e NatWest, sono aumentate, e l'indice Stoxx Europe 600 è aumentato dello 1,2%. Gli investitori vedono questo come un segnale che i regolatori sono pronti ad intervenire per evitare che la crisi bancaria diventi incontrollabile.

Il rendimento del Treasury decennale è salito al 3,580%, continuando a oscillare in modo altalenante.

Lo S&P 500 ha guadagnato 68,35 punti, ovvero l'1,8%, a 3.960,28, cancellando un calo precedente dello 0,7%. Il Dow Jones Industrial Average ha guadagnato 371,98 punti, ovvero l'1,2%, a 32.246,55, e il Nasdaq Composite è avanzato di 283,22 punti, ovvero il 2,5%, a 11.717,28. Degli 11 settori dello S&P 500, nove hanno chiuso in territorio positivo, con quelli dei servizi di comunicazione e della tecnologia dell'informazione in testa.

Il mercato azionario è stato relativamente resiliente nel corso della crisi bancaria. Lo S&P 500 e il Dow sono in calo meno dell'1,3% a marzo, e il Nasdaq ha registrato un aumento del 2,3%.

Gli investitori sono rimasti concentrati su come la crisi bancaria possa influire sulle decisioni sui tassi della Fed nella prossima settimana.

In precedenza, sempre giovedì, nuovi dati hanno mostrato che le richieste di sussidi di disoccupazione sono diminuite la scorsa settimana, segnalando un mercato del lavoro ancora forte.

Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha riportato che il numero di richieste di sussidi di disoccupazione è diminuito di 20.000 la scorsa settimana, attestandosi a 192.000.

Questo indica che il mercato del lavoro americano rimane forte, nonostante altri segnali di rallentamento dell'economia. La media mobile a quattro settimane delle richieste settimanali è leggermente diminuita la scorsa settimana a 196.500, un livello storicamente basso.

Per Goldman Sach gli Usa rischiano una recessione

Gli economisti di Goldman Sachs Group, guidati dal capo economista Jan Hatzius, hanno aumentato la probabilità che gli Stati Uniti entrino in recessione nei prossimi 12 mesi al 35% rispetto al 25% precedente. Hanno citato "un aumento dell'incertezza a breve termine sugli effetti economici dello stress delle piccole banche".

In media, gli economisti intervistati dal Wall Street Journal a gennaio hanno stimato che c'era una probabilità del 61% che gli Stati Uniti entrino in recessione nei prossimi 12 mesi.

La Fed potrebbe alzare di soli 25 punti base

La recente volatilità di mercato ha portato i futures sui fondi federali a indicare un 80% di probabilità che la Federal Reserve aumenti i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale al prossimo incontro.

Questo rappresenta un aumento significativo rispetto alla settimana precedente, quando c'era solo un terzo di possibilità di un aumento di 25 punti base.

Gli esperti suggeriscono che un aumento maggiore del mezzo punto percentuale potrebbe mettere ulteriore stress sulle banche, mentre non fare nulla potrebbe sollevare preoccupazioni nel mercato più ampio, significherebbe che la Fed è preoccupata e questo potrebbe gettare nel panico gli investitori.

Pertanto, un aumento del quarto di punto percentuale è considerato l'opzione più probabile.

First Republic Bank messa in sicurezza dal sistema

Undici banche depositano 30 miliardi di dollari presso First Republic Bank: i regolatori statunitensi dichiarano che il deposito "dimostra la resilienza del sistema bancario".

Undici delle più grandi banche degli Stati Uniti hanno depositato un totale di $30 miliardi presso First Republic Bank, in una mossa per evitare un'ulteriore diffusione del panico dopo due recenti fallimenti bancari.

JPMorgan Chase & Co., Citigroup Inc., Bank of America Corp. e Wells Fargo & Co. hanno contribuito con un deposito di $5 miliardi ciascuno, mentre Morgan Stanley e Goldman Sachs Group Inc. hanno fornito $2,5 miliardi ciascuno.

Altre cinque banche hanno contribuito con $1 miliardo ciascuna. Secondo fonti vicine alla questione, i dirigenti di First Republic Bank hanno formulato il piano e discusso con la segretaria al Tesoro Janet Yellen e altri funzionari a Washington, D.C.

Il Dipartimento del Tesoro, la Federal Reserve, la Federal Deposit Insurance Corp. e l'Ufficio del controllore della valuta hanno elogiato la mossa delle banche, definendola un segnale di resilienza del sistema bancario.

First Republic Bank è stata duramente colpita da una crisi che è cominciata con il fallimento di Silicon Valley Bank, con la fuga di depositanti e la crescente preoccupazione che potesse essere la prossima banca a fallire.

Nel tentativo di proteggere l'intero sistema bancario dalla diffusione del panico, le maggiori banche degli Stati Uniti si sono precipitate in soccorso di First Republic con un'ingente somma di denaro pari a $30 miliardi.

La banca ha dichiarato di essere stabile, ma S&P Global Ratings ha declassato i suoi bond a status di junk e gli investitori hanno continuato a vendere, aggiungendo ulteriore incertezza.

Il titolo di First Republic è in calo di circa il 60% questa settimana e la sua capitalizzazione di mercato è passata da $21 miliardi dell'8 marzo a circa $5 miliardi. Questa situazione ricorda la crisi finanziaria del 2008, quando JPMorgan ha giocato il ruolo di cavaliere bianco, acquistando Bear Stearns e poi Washington Mutual.

Anche se il salvataggio risolve le problematiche immediate della banca, essa dovrà comunque affrontare un ambiente commerciale più difficile in un mondo con tassi di interesse più elevati e con depositanti improvvisamente consapevoli dei rischi di grandi depositi non assicurati.

Il salvataggio è stato definito come uno sforzo straordinario per proteggere l'intero sistema bancario dal panico diffuso, trasformando First Republic in una sorta di barriera.

La banca aveva già subito flessioni del prezzo delle azioni e la fuga dei depositanti. Il salvataggio ha permesso alla banca di avere 70 miliardi di dollari di liquidità a disposizione grazie a un accordo con la Federal Reserve e JPMorgan.

Portafoglio Bilanciato

Ho creato un portafoglio di titoli italiani che nel 2023, ha generato un utile del +31,02% e consentito di ottenere interessanti dividendi.

Clicca qui!
MegaTrader è un servizio di FtaOnline.com

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy