FTAOnline
Home :: Editoriali :: Borse, ma è davvero passato il peggio?

Borse, ma è davvero passato il peggio?

di Alessandro Magagnolipubblicato:

Lo studio del passato può essere di aiuto nell’interpretazione della situazione attuale. I recenti rialzi delle borse come si inquadrano se confrontati con quelli precedenti?

Tabella dei Contenuti

Lo studio del passato può essere di aiuto nell’interpretazione della situazione attuale. I recenti rialzi delle borse come si inquadrano se confrontati con quelli precedenti?

Dow Jones Industrial, impariamo dal passato

Lo studio del passato è un esercizio che può essere utile per inquadrare la situazione presente, pur nella consapevolezza che, come scritto in quasi tutti i disclaimer, il conseguimento di determinati risultati in passato non è garanzia per il futuro.

Negli ultimi mesi si sono accatastati articoli e commenti di analisti che cercavano d'interpretare il calo visto quest'anno confrontandolo con quelli passati: il 12% circa di ribasso del Dow Jones Industrial nel 2022 come si rapporta con i crolli del passato?

Una prima osservazione che verrebbe da fare in risposta a questi tentativi di leggere il presente con lo sguardo volto indietro è che la situazione attuale è molto diversa rispetto a quelle che ci hanno preceduto.

Due caratteristiche chiave del presente

Le differenze sono innumerevoli, ne citiamo solo un paio che permettono di capire quanto i mercati si muovano in un contesto diverso dal passato: il bilancio della Federal Reserve è attualmente a 8677 miliardi circa, ha toccato un massimo a inizio anno in vista dei 9000 miliardi, ma fino al 2008/2009, periodo dell'ultima vera recessione per l'economia Usa, lo stesso bilancio era solo di 900 miliardi circa, la banca centrale si è quindi resa protagonista di un intervento mastodontico a sostegno dell'economia e dei mercati negli ultimi anni, un sostegno che ha creato però degli squilibri difficili da comprendere fino in fondo e quindi da gestire.

Il secondo aspetto di portata epocale da tenere in considerazione è che il Consumer Price Index (Percent Change from Year Ago, Seasonally Adjusted) a settembre è risultato in crescita negli Usa dell'8,2%, il valore più alto dal gennaio del 1982.

In un contesto come questo ipotizzare che il ribasso della borsa possa avere scontato tutti gli elementi negativi solo perchè l'entità della discesa è simile a quanto già visto in passato e che il mercato possa pensare di ripartire al rialzo dal momento che la Federal Reserve potrebbe decidere in un prossimo futuro di rallentare la velocità dell'aumento dei tassi d'interesse è quanto meno azzardato.

Conosciamo un nuovo indicatore, il price ROC

C'è comunque un indicatore che può essere utile per tentare di tracciare una mappa dei possibili movimenti dei prezzi, ed è il "price rate of change" calcolato a sei mesi, ovvero la variazione percentuale che i prezzi hanno in un determinato momento rispetto al valore dei sei mesi precedenti.

Questo indicatore ha una caratteristica interessante, ovvero tende a oscillare nell'ambito di valori abbastanza stabili.

Nella parte alta del grafico dell'indicatore troviamo molti massimi importanti, separati tra loro spesso da intervalli di diversi anni, nell'area del 23/25% (con alcune eccezioni, ad esempio il 1986 e il 2009, al 35% circa), nella parte bassa invece i minimi rilevanti sono concentrati nell'area -25% (anche in questo caso c'è un'eccezione, il -38% del 2009), livello toccato nel 1962, nel 1974, nel 1988, nel 2002 e superato appunto nel 2009.

Durante la crisi del Covid, a marzo del 2020, l'indicatore price ROC è sceso fino al -18,5% circa, nel 2022, a settembre, prima dell'inizio dell'ultimo rimbalzo, il price ROC era invece sceso fino al -17,5% circa.

Dow Jones, durerà il rimbalzo?

Attualmente, per il Dow Jones Industrial, il price ROC è tornato in area -3%. Effettivamente quindi, dopo il crollo della prima parte dell'anno, si è verificato un rimbalzo decisamente rilevante.

Ma è ragionevole pensare che con una situazione così deteriorata come l'attuale, dove la Fed (e le altre principali banche centrali) ha già sparato tutte le cartucce che aveva per sostenere l'economia e che anzi si trova in condizione di doverla strangolare per evitare che l'inflazione vada fuori controllo, e dove le tensioni geopolitiche aumentano (il confronto tra Cina e Usa per adesso si svolge per il tramite della Russia, ma prima o poi i due giganti rischiano di venire direttamente in contatto), il price ROC a 6 mesi non scenda nemmeno a testare quel -25% che ha già raggiunto tante volte in passato?

Ciascuno ha il diritto di farsi una propria idea sulla questione, spesso accade che prima i mercati si muovono e poi gli investitori, e gli analisti, trovano le spiegazioni ai movimenti, quindi è anche possibile che veramente il peggio sia già nei prezzi e che nei prossimi mesi il price ROC passi in positivo, ma il rischio invece che dall'attuale -3% del Dow si scenda verso un -25% resta elevato.

Quali sono i target per il Dow Jones?

Visto che in questo momento tutte le opinioni hanno uguale dignità vi dirò quella che è l'opinione di chi scrive: il rimbalzo che è partito dai minimi di settembre-ottobre probabilmente non è ancora terminato, ma al tempo stesso è molto improbabile che le borse possano superare i 3/4 di ritracciamento del ribasso dai massimi d'inizio anno (i 35000 punti di Dow) mentre è molto probabile che successivamente si realizzi una nuova discesa con obiettivi ampiamente al di sotto dei minimi di quest'anno, per il Dow tra i 23500 e i 24500 punti.

Programma dei video

« dicembre 2022»
lun
mar
mer
gio
ven
sab
dom

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy