FTAOnline
Home :: Mercati :: L'indice S&P 500 sta per generare un segnale rialzista "golden cross"

L'indice S&P 500 sta per generare un segnale rialzista "golden cross"

di Alessandro Magagnolipubblicato:

Scopri cosa significa il segnale Golden Cross per l'S&P 500 e cosa aspettarsi dal mercato azionario se dovesse materializzarsi. Potrebbe essere l'inizio di un aumento delle azioni come accaduto nel luglio 2020.

Tabella dei Contenuti

Borsa Usa mista martedì

Un’analista di Bank of America ha dichiarato che le società stanno abbassando le loro aspettative per gli utili del 2023, questa notizia arriva mentre il mercato si è concluso con risultati misti martedì.

L'S&P 500 ha terminato la seduta a 4.016,95, in calo dello 0,07%, il Dow Jones Industrial Average a 33.733,96, in rialzo dello 0,31% (104,40 punti) e il Nasdaq Composite a 11.334,27, in calo dello 0,27%.

Società rilasciano previsioni di profitto per il 2023 più negative del previsto, secondo Bank of America

Secondo Bank of America, le società stanno rilasciando previsioni di profitti per il 2023 più negative del previsto mentre inizia la stagione degli utili del quarto trimestre. Le previsioni degli utili S&P 500 sono scese dell'1% dopo essere scese del 10% rispetto a dove si trovavano l'estate scorsa.

"Le tendenze delle revisioni degli utili sono generalmente peggiorate in tutto il settore", ha dichiarato Savita Subramanian, responsabile della strategia di equity e quantitativa degli Stati Uniti della banca, in una nota.

La banca ha anche osservato che solo 11 società hanno rilasciato previsioni di profitti a medio termine, di cui sette erano al di sotto del consenso e due erano al di sopra. Questi sono "segnali preoccupanti" fanno temere che gli utili rallenteranno ulteriormente.

"Le letture prospettiche sono meno positive", ha detto Subramanian, mostrando segni che "la sofferenza aziendale" sta aumentando.

"La recessione potrebbe essere ritardata, ma la debolezza dei dati indica pressioni crescenti, soprattutto nei beni, che rappresentano il 50% degli utili dell'S&P 500", ha aggiunto Subramanian.

I numeri hanno mancato le stime degli analisti del 1% in questa occasione, mentre di solito superano i target di mezzo punto percentuale.

Questo è dopo che gli analisti hanno abbassato le stime del 7% all'inizio della stagione di presentazione dei risultati.

Circa il 25% delle società dell'S&P 500 devono ancora presentare i risultati del quarto trimestre questa settimana.

Delle 57 società che hanno già presentato i risultati finora, il 67% ha superato le stime di profitto con una mediana del 5%, mentre il 67% ha superato le stime di fatturato con una mediana del 2%, secondo i dati di Fundstrat.

Tuttavia, gli analisti sono preoccupati per gli utili delle Big Tech. Credit Suisse ha detto che gli utili delle tecnologie sono destinati ad essere così deludenti da trascinare le previsioni per l'S&P 500 nei prossimi trimestri.

Questa notizia è una fonte di preoccupazione per gli investitori poiché il settore tecnologico è stato un motore principale della crescita complessiva del mercato negli ultimi anni.

Azioni statunitensi miste alla chiusura del mercato, indicatore economico in miglioramento ma in territorio negativo, alcune società mancano le aspettative di utili

Martedì, le azioni statunitensi hanno avuto risultati misti alla chiusura del mercato. Un indicatore economico chiave ha mostrato miglioramenti ma è rimasto in territorio negativo.

L'indice PMI manifatturiero elaborato da S&P Global è infatti salito a 46,8 punti da 46,2 di dicembre, il consensus era 46. Risultato migliore del previsto anche per l'indice PMI non manifatturiero, salito a 46,6 da 44,7 punti. 

Inoltre, alcune società come 3M hanno mancato le aspettative sugli utili mentre annunciavano licenziamenti, mentre altre società come General Electric e Lockheed Martin hanno superato le loro previsioni del quarto trimestre.

La Borsa di New York ha anche subito un problema tecnico durante la sessione, che ha causato la sospensione di alcune azioni tra cui AT&T, Morgan Stanley e Verizon.

Golden cross: come l'indicatore tecnico può aiutare a identificare le azioni con tendenza al rialzo

"Scopri come l'indicatore tecnico "golden cross" può aiutare i trader a identificare le azioni nel mercato azionario con una tendenza al rialzo e quali azioni sono destinate a continuare con prezzi delle azioni più elevati.

Conosci la situazione attuale del Dow Jones Industrial Average e del Nasdaq 100 e come questi indicatori potrebbero influire sui tuoi investimenti futuri."

L'indice S&P 500 sta per completare un "golden cross", che è un segnale rialzista che suggerisce che il mercato potrebbe continuare a salire nel prossimo futuro.

Un golden cross si verifica quando una media mobile a breve termine (come la media mobile a 50 giorni) supera una media mobile a lungo termine (come la media mobile a 200 giorni).

Questo è considerato un segnale rialzista in quanto indica che la tendenza a breve termine (la media a 50 giorni) sta diventando più forte e potrebbe continuare a guidare il mercato verso l'alto.

Questa potenziale segnale si sta per manifestare dopo che l'S&P 500 è già salito del 15% dal suo minimo di ottobre, indicando che il mercato potrebbe essere pronto per ulteriori guadagni nel prossimo futuro.

Martedì, il divario tra le due medie era solo 26 punti, e con lo spazio che si riduce di circa otto punti al giorno, si prevede che l'S&P 500 possa generare un segnale golden cross entro la fine della settimana a meno che non ci sia una vendita significativa.

Se questo segnale si dovesse materializzare, sarebbe la prima volta per l'S&P 500 dal luglio 2020 e potrebbe portare ad un aumento delle azioni come accaduto nel luglio 2020, quando l’indice è cresciuto fino al 52% dopo la comparsa del segnale golden cross.

Il segnale "golden cross" dell'indice Dow Jones Industrial Average è già stato generato a dicembre, mentre il Nasdaq 100 attende conferma per continuare la corsa al rialzo.

Il "golden cross", come detto, è un segnale che avvisa i trader che i titoli nel mercato azionario stanno consolidando la loro tendenza al rialzo e che sono probabilmente destinati a continuare con prezzi più elevati.

È stato generato dall'indice Dow Jones Industrial Average nel dicembre. Da allora, l'indice è più o meno stabile.

Tuttavia, il Nasdaq 100 è ancora lontano dalla generazione di un golden cross, cosa che i trader vorranno vedere accadere per confermare che la recente corsa delle azioni può essere sostenuta fino al 2023.

Ciò indica che i trader stanno tenendo d'occhio il Nasdaq 100 e vorranno vedere le medie che si incrociano per confermare la continuazione della tendenza al rialzo prima di prendere ulteriori decisioni di investimento.

Il segnale opposto al "golden cross" è il "death cross"

Il segnale opposto al "golden cross" è il "death cross", che è un segnale di vendita che si attiva quando la media mobile a 50 giorni scende sotto la media mobile a 200 giorni.

Questo segnale può indicare che la tendenza a breve termine si sta indebolendo e il mercato potrebbe essere diretto verso una flessione prolungata.

L'S&P 500 ha generato questo segnale nel marzo dell'anno scorso e l'indice successivamente è sceso ulteriormente del 16% al suo minimo.

Tuttavia, è importante notare che questo indicatore tecnico può a volte ingannare, poiché ha un tasso di successo solo del 64% secondo i dati compilati da The Chart Report. L'analista Ian McMillan ha esaminato un totale di 81 golden cross che si sono verificati nell'indice Dow Jones Industrial Average risalente alla sua creazione nel 1896.

Analisi di The Chart Report: il 62-64% delle azioni sono più alte dopo un segnale "golden cross"

Una analisi condotta da Ian McMillan, analista di The Chart Report, ha rilevato che le azioni erano più alte dopo il segnale "golden cross" nel 62% dei casi, tre mesi dopo il segnale, e nel 64% dei casi, sei mesi dopo il segnale.

Il rendimento medio per le azioni tre mesi dopo un golden cross è stato del 7,33%, mentre il rendimento medio sei mesi dopo un golden cross è stato del 10,65%.

È importante notare che questi segnali di crossover della media mobile non sono perfetti e non tutti i golden cross portano ad una grande corsa.

Ari Wald, capo dell'analisi tecnica di Oppenheimer & Co. sottolinea che questi segnali devono essere utilizzati come strumento insieme ad altre analisi e ricerche prima di prendere decisioni di investimento.

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy