0
Segnalibri
FTAOnline
Home :: Editoriali :: Green Pass Francia, Germania, Usa e Uk: come funziona in questi paesi?

Green Pass Francia, Germania, Usa e Uk: come funziona in questi paesi?

di FTA Online Newspubblicato: 2 mesi fa

La quarta ondata Covid ha colpito ormai quasi tutta l'Europa: e mentre si attende già la quinta ondata e la quarta dose, tra green pass, restrizioni, mezze chiusure, restrizioni nei viaggi e così via, si ritorna in un clima di terrore.

Molti paesi stanno inasprendo le regole e le normative e anche la Commissione Europea, sulla scia di quello che stanno facendo i singoli paesi, sta per rendere più stringenti le regole sul Green Pass europeo.

Tra qualche giorno, inoltre, L'Europa presenterà le sue raccomandazioni, anche se non vincolanti, per poter viaggiare in Europa e fuori Europa.

Rispetto a luglio, infatti, quando è entrato in vigore il Green Pass Europeo, la situazione si è profondamente modificata.  E anche ogni singolo stato sta prendeno le sue decisioni in base ai contagi, con lo scopo di prevenire o contenere la quarta ondata.

Entriamo nei dettagli e vediamo come si stanno comportando gli stati europei sull'argomento Green Pass.

Innanzitutto ricordiamo che, secondo la normativa Europea, l'Unione Europea non può intervenire quando si tratta di materie che sono di esclusiva competenza nazionale. Se una nazione, come l'Italia, decide di utilizzare un lasciapassare per andare al ristorante, al cinema, eventi e altro, l'UE non ha la competenza per intervenire.

Il Green Pass Europeo, come funziona?

Attualmente il Green Pass europeo si può ottenere anche con tampone negativo, e dunque questo significa che si può viaggiare.

Ma se un cittadino comunitario non vaccinato, fa un tampone, risulta negativo e parte per il nostro paese, quando arriva in Italia si rende conto ben presto di non poter nemmeno pranzare in un ristorante, perchè dotato solo di green pass base e non di super green pass.

Probabilmente sarà il green pass europeo che si allineerà a quello che più o meno stanno legiferando tutti gli stati europei singolarmente.

Green Pass in Francia: come funziona?

Dopo le nuove regole più stringenti che riguardano i non vaccinati, pare che in Francia siano aumentate le prime dosi.

Per quanto concerne la terza dose, tutti i cittadini over18 sono stati invitati a fare la terza dose dopo cinque mesi dalla seconda. Se i cittadini non faranno la terza dose, il Green Pass scadrà entro sette mesi dalla seconda dose. 

In Francia il green pass è obbligatorio per accedere a tutti gli eventi al chiuso o all'aperto, per entrare nei musei, nei bar, nei ristoranti, centri commerciali, ospedali, hotel, in aereo, treno o bus.

Anche chi lavora in questi settori è obbligato a presentare il green pass ogni giorno, pena la sospensione dal lavoro. Il parlamento ha già esteso queste regole fino a luglio 2022,

Green Pass in Germania, come funziona?

In Germania vigeva la regola delle 3G: vaccinati, guariti o tamponati negativi possono accedere a tutte le strutture al coperto, ospedali, ristoranti, alberghi, eventi, palestre e così via.

Visto l'aumento dei casi si è passati al green pass 2G: solo vaccinati e guariti possono fare le attività elencate sopra, il tampone non serve più per ottenere il green pass.

Alcuni Land della Germania hanno deciso per un green pass ancora più severo, il "2G plus", ovvero vaccinati e guariti per partecipare ad alcuni eventi, dovranno presentare anche un tampone negativo.

L'incidenza dei contagi in Germania è ormai salita a 312,4 casi per 100mila abitanti nell'arco di una settimana e nella penultima giornata sono morte 265 persone.

E' una situazione sanitaria che sta coincidendo anche con un cambio importante di coalizione a livello governativo e politico.

Giovedì prossimo ci sarà un importantissimo incontro fra governo federale e governi dei land. Markus Soeder, premier conservatore della Baviera, chiederà il green pass due G in tutta la nazione (ovvero solo per vaccinati e guariti).

Niente Green Pass negli Usa: Biden ci ha provato, ma i tribunali lo hanno stoppato

Biden ha provato a introdurre nelle aziende un pass, come il green pass italiano. Ma un tribunale federale ha sospeso immediatamente quest'obbligo.

La decisione è arrivata dalla Corte d'appello del Quinto Circuito formata da tre togati che hanno confermato quanto già stabilito da un tribunale di primo grado. Alla Corte si erano appellati numerosi stati repubblicani, completamente contrari ad ogni tipo di obbligo, vaccinale o di lasciapassare come (Texas, Louisiana, Mississippi, South Carolina e Utah, ma non solo alcuni stati hanno fatto ricorso. Anche molte aziende hanno fatto ricorso legale.

I giudici che hanno deciso di sospendere questa normativa, perché l'obbligo deciso da Biden "supera grossolanamente" l'autorità amministrativa. Il governo americano, infatti, non può imporre nessun trattamento sanitario o medico, senza un ordine esplicito di un giudice.

Secondo il giudice Kurt Engelhardt, "l'interesse pubblico trae beneficio dal mantenimento della nostra struttura costituzionale, mantenendo la libertà degli individui nel prendere decisioni personali in accordo con le proprie convinzioni, incluso quando queste decisioni non piacciono ai funzionari di governo".

Quindi interesse pubblico=libertà di scelta, autodeterminazione, non uguale a "salute pubblica" ad ogni costo, obbligando, costringendo, ricattando contro ogni decisione libera presa sul proprio corpo dall'uomo.

Comunque tra ricorsi e ricorsi legali, sarà probabilmente la Corte Suprema - scrive il NYT - a mettere la parola fine alla diatriba.

Green Pass in Uk? Non sanno nemmeno cosa sia

Mettere in conto una certa quantità di contagi e di decessi, questo è il segreto di Boris Johnson per affrontare il Covid e quarta ondata senza un green pass.

Nel Regno Unito ci sono stati una media di 2,16 morti ogni milione di abitanti.

In Gran Bretagna il numero dei ricoverati sembra in leggera discesa e il sistema sanitario al momento sta tenendo.

Ma il dato dei contagi si mantiene alto, sono crica  44.917 casi al giorno, anche se il numero dei decessi è molto inferiore rispetto alle altre ondate. 

La Germania ha più o meno gli stessi dati della Gran Bretagna con l'unica differenza che l'occupazione dei posti letto in ospedale è in aumento. Ed è questo a preoccupare le autorità.

In Gran Bretagna dal cosiddetto freedom day, il 19 luglio, gli inglesi hanno scelto e deciso che il Covid non sarebbe stato più un problema: chi si vuole vaccinare si vaccina, chi non si vuole vaccinare non si vaccina, nessuno chiede alcuno documento e le mascherine sono sparite.

Il prezzo maggiore si è pagato in decessi. Da Agosto ad oggi in Gran Bretagna ci sono stati 14.400 morti, in Italia invece ci sono stati 5.182 morti.

Johnson ha preso questa scelta politica sostenuta dal suo popolo, non certo indolore e senza conseguenza, ma almeno in Gran Bretagna non c'è alcuna tensione sociale e la vita procede normalmente. In Italia si può dire lo stesso? Davvero le scelte prese in Italia sono indolore?

In Gran Bretagna hanno accettato come inevitabile che il Covid provochi un certo numero di decessi, ma il popolo sostiene la decisione di Boris che non ha intenzione di fare passi indietro.

Argomenti

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter via e-mail per ricevere aggiornamenti sulle Ultime Notizie, i Tutorial e le Offerte Speciali!

Autorizzazione Marketing
Autorizzo l'utilizzo delle informazioni che ho fornito ai fini di ricevere via e-mail notizie, aggiornamenti ed informative marketing.
Cancellazione e politica sulla privacy