FTAOnline
Home :: Fisco :: IMU 2023, novità Manovra: chi non dovrà pagarla? In questi casi scatta l’esenzione

IMU 2023, novità Manovra: chi non dovrà pagarla? In questi casi scatta l’esenzione

di Valentina Zappalàpubblicato:
Argomenti

Novità esenzione IMU 2023: la nuova Manovra Finanziaria ha indicato alcuni casi in cui l'imposta non dovrà essere pagata. Ecco quali e come accedere all'agevolazione fiscale.

Tabella dei Contenuti

Tra le tantissime novità previste dalla Manovra 2023, l’esecutivo ha inserito anche alcune nuove regole che riguardano l’IMU. L’Imposta Municipale Unica, obbligatoria per abitazioni e fabbricati diversi dall’abitazione principale, per abitazioni principali di categorie A/1, A/8 e A/9 e in caso di terreni agricoli e aree fabbricabili, sarà interessata da alcune novità.

Il testo della nuova Legge di Bilancio, salvo ulteriori modifiche che potrebbero avvenire nei prossimi giorni, ha previsto degli specifici casi di esenzione IMU 2023.

Ecco chi non dovrà pagare l’IMU nel 2023 e quali sono i casi in cui scatta l’esenzione. Prima di iniziare, ricordiamo rapidamente come si calcola l’IMU, grazie all’approfondimento video a cura di Questo è il Fisco:

 

IMU 2023, novità Manovra: chi non dovrà pagarla? In questi casi scatta l’esenzione

Le agevolazioni, fiscali ed economiche, presenti nella Manovra 2023 sono davvero molte. Oltre ai bonus figli confermati per il prossimo anno e gli aumenti a pensioni e Assegno Unico, l’esecutivo Meloni ha introdotto anche delle agevolazioni fiscali.

Tra queste, l’esenzione IMU 2023 che riguarda dei casi particolari: quelli degli immobili abusivamente occupati.

Per il prossimo anno, infatti, la Legge di Bilancio confermerà l’esenzione dal pagamento dell’Imposta Municipale nel caso in cui un immobile non sia utilizzabile.

L’esenzione IMU 2023 verrà finanziata mediante apposito fondo, che ha previsto per l’anno prossimo una dotazione economica pari a 62 milioni di euro.

Questo perché, ovviamente, l’agevolazione economica che consentirà ai proprietari di immobili occupati abusivamente di non pagare l’IMU 2023, di fatto, coinciderà con minori entrate per i Comuni dove i locali gli immobili in questione sono ubicati.

Le entrate verranno comunque garantite grazie al fondo appositamente stanziato.

Esenzione IMU 2023: requisiti richiesti ai proprietari

L’esenzione IMU 2023 non è però automatica. I proprietari di immobili, fabbricati o terreni per i quali è previsto il pagamento dell’Imposta dovranno seguire uno specifico iter per poter usufruire dell’esenzione prevista.

Sarà necessario, cioè, denunciare l’occupazione abusiva all’autorità giudiziaria. L’esenzione sarà valida anche se la denuncia in questione è già stata presentata preventivamente.

Importantissimo, però, che tale segnalazione venga fatta e che siano riconosciuti i reati previsti dal Codice Penale, art. 614 o 633.

In mancanza di tale requisito, il proprietario dell’immobile, fabbricato o terreno soggetto ad occupazione abusiva sarà tenuto al pagamento dell’imposta.

Come si richiede l’esenzione IMU 2023?

Ma non è finita qui. Oltre alla denuncia dell’occupazione abusiva della proprietà, per godere dell’esenzione IMU 2023 il proprietario dovrà rivolgersi al Comune presso il quale il locale interessato è ubicato.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha infatti stabilito che, per godere dell’esenzione 2023, l’interessato dovrà preventivamente inviare comunicazione telematica al Comune.

La procedura, che si svolgerà interamente online, sarà resa disponibile dopo la pubblicazione ufficiale della Manovra finanziaria in Gazzetta Ufficiale.

Dopo tale pubblicazione, poi, dovremo attendere un apposito decreto del MEF, che servirà ad indicare con esattezza eventuali requisiti aggiuntivi.

Dunque, non è ancora possibile richiedere l’esenzione IMU 2023. Si attendono comunque informazioni in merito alle esatte modalità di richiesta dopo la pubblicazione della Manovra in G.U..

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy