FTAOnline
Home :: Pensioni :: Pagamento pensioni gennaio 2023, c’è già il calendario: quali sono le date da segnare?

Pagamento pensioni gennaio 2023, c’è già il calendario: quali sono le date da segnare?

di Valentina Zappalàpubblicato:
Argomenti

Pagamento pensioni gennaio 2023: il calendario è già disponibile. Ecco le date per ritirare il proprio trattamento presso gli sportelli Poste Italiane, oltre che quelle degli accrediti.

I pagamenti dei trattamenti di dicembre sono ancora in corso (anche se già quasi giunti al termine), eppure si parla già del pagamento pensioni gennaio 2023.

Così come valido per gli anni precedenti, anche a partire dal prossimo gennaio i pensionati italiani dovranno tener conto di uno specifico calendario, che seguirà un ordine alfabetico.

Ecco quali sono le date previste per l’accredito dei trattamenti pensionistici, che dovrebbero arrivare già durante i primi giorni del prossimo mese, e per il ritiro della pensione presso gli sportelli Poste Italiane.

Pagamento pensioni gennaio 2023, c’è già il calendario: quali sono le date da segnare?

Il fatto che le prime indiscrezioni sul pagamento pensioni gennaio 2023 siano già disponibili non stupisce. Innanzitutto, perché il mese di gennaio coincide con la conclusione delle festività natalizie. Inoltre, l’interrogativo più comune relativo alle date dell’accredito dei trattamenti pensionistici riguarda la possibilità di ricevere l’accredito in anticipo.

Nei due anni precedenti, i pensionati italiani hanno potuto contare su un pagamento anticipato delle pensioni di gennaio. Tale aumento, però, era dovuto all’emergenza legata alla pandemia di Covid-19.

In sostanza, niente anticipo a partire dalla fine del mese di dicembre: i titolari di trattamenti pensionistici dovranno attendere la prima settimana di gennaio per ricevere la pensione.

Il primo giorno del mese, inoltre, coincide con la festività del Capodanno e, dunque, l’accredito non potrà avvenire a partire da quel giorno.

Il primo giorno bancabile corrisponde a lunedì 2 gennaio 2023: ed è in tale data che si attende l’inizio dei pagamenti.

Le erogazioni dovrebbero poi terminare lunedì 9 gennaio 2023. Queste date sono variabili, come vedremo a breve, perché dipendono dall’iniziale del cognome del pensionato. Valgono per coloro che ritirano il trattamento pensionistico presso gli sportelli Poste Italiane.

Nel caso in cui il pensionato abbia deciso di ricevere l’accredito mediante bonifico, vale invece la data del 2 gennaio.

Pagamento pensioni gennaio 2023: calendario per il ritiro dei contanti presso le Poste

Per quanto riguarda il calendario dei pagamenti secondo ordine alfabetico, bisogna considerare la seguente tabella, dove sono indicate tutte le date di ritiro delle pensioni di gennaio 2023 in base all’iniziare del proprio cognome:

Iniziale del cognome

Date pagamento pensioni gennaio 2023 presso le Poste

cognomi dalla A alla B

lunedì 2 gennaio 2023

cognomi dalla C alla D

martedì 3 gennaio 2023

cognomi dalla E alla K

mercoledì 4 gennaio 2023

cognomi dalla L alla O

giovedì 5 gennaio 2023

cognomi dalla P alla R

sabato 7 gennaio 2023 (mattina)

cognomi dalla S alla Z

lunedì 9 gennaio 2023

Pensioni gennaio 2023, come consultare il Cedolino

Prima di concludere la nostra analisi sulle novità in merito alle date di pagamento pensioni gennaio 2023, c’è un ultimo aspetto da considerare, in arrivo proprio a gennaio. I trattamenti pensionistici saranno interessati da numerosi cambiamenti a partire dal prossimo anno.

È stato previsto proprio di recente un probabile aumento su base trimestrale, che dovrebbe concretizzarsi nel 2023: ne ha parlato Mr LUL lepaghediale nel seguente video.



In caso di dubbi, sia sugli accrediti che sui nuovi importi 2023, basta prendere visione del proprio Cedolino. Per farlo, occorre collegarsi al sito ufficiale INPS e verificare il proprio Fascicolo previdenziale direttamente online.

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy