FTAOnline

Reddito Energetico, domande aperte a luglio. Ecco a chi spetta, ISEE e requisiti

di Chiara Turano pubblicato:
3 min

Dal 5 luglio 2024 è possibile presentare domanda per il Reddito Energetico: ecco chi ne ha diritto, le soglie ISEE fissate e i requisiti da possedere per accedere al contributo sul fotovoltaico.

Reddito Energetico, domande aperte a luglio. Ecco a chi spetta, ISEE e requisiti

Il Reddito Energetico è finalmente realtà. Dopo tanto vociferare sul via libera alla misura che agevola la realizzazione degli impianti fotovoltaici domestici, a sostegno dei nuclei familiari in difficoltà economica, il taglio del nastro di partenza è arrivato il 5 luglio 2024.

A partire da tale data, infatti, è possibile presentare domanda per ottenere il riconoscimento del beneficio, nel rispetto dei requisiti di accesso fissati per la misura, ISEE compreso.

Scopriamo insieme a chi spetta il Reddito Energetico, quali sono le soglie dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente da rispettare e come inviare la domanda che, lo anticipiamo, non ha una scadenza definita poiché il contributo viene distribuito ai beneficiari fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Reddito Energetico, a chi spetta

È passato circa un anno da quando il Reddito Energetico ha visto la luce grazie al decreto del Ministero dell’Ambiente e delle Sicurezza Energetica: 200 milioni di euro (biennio 2024-2025) è l’ammontare delle risorse stanziate per coprire la realizzazione di circa 31.000 impianti fotovoltaici di piccole dimensioni, destinati ai nuclei familiari in difficoltà economica. 

Il Reddito Energetico non spetta infatti a tutti indistintamente, ma solo alle famiglie economicamente svantaggiate in possesso di specifici requisiti.

Reddito Energetico, ISEE e requisiti per presentare domanda

Il riconoscimento del Reddito Energetico è vincolato al rispetto di alcuni requisiti, l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente in primis.

La soglia ISEE da rispettare assume una certa rilevanza non solo per accettazione o meno della domanda, ma anche per la determinazione delle somme spettanti.

Due sono i limiti issati per accedere al beneficio:

  • ISEE sotto la soglia di 15.000 euro;

  • ISEE entro i 30.000 euro per le famiglie con quattro o più figli a carico.

Oltre alle soglie ISEE appena viste, ai nuclei familiari è richiesto la residenza anagrafica nell’immobile oggetto degli interventi. 

Altri requisiti da rispettare sono invece legati ai lavori eseguiti. Questi devono:

  • riguardare l’installazione di impianti fotovoltaici volti all’autoconsumo di energia;

  • essere collegati ad un'utenza intestata al beneficiario o ad un altro componente appartenente alla stessa famiglia.

Come presentare domanda

L’intera procedura di richiesta del Reddito Energetico si svolge online, accedendo al sito ufficiale del Gestore Servizi Energetici (GSE). Poiché i contributi verranno distribuiti fino all’esaurimento delle risorse disponibili, l’assegnazione avverrà in base al criterio cronologico di presentazione delle domande.

Ogni nucleo familiare, o soggetto delegato, può inoltrare una sola istanza. È possibile delegare anche chi ha realizzato l’intervento inserendo nel portale tutte le informazioni richieste dalla procedura automatica, dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio compresa.

La procedura da seguire per presentare domanda è abbastanza semplice. Una volta entrati nel sito del GSE, basta accedere all’area clienti. Ricordiamo ai nostri lettori che il GSE mette a disposizione sul sito stesso una facile guida stilata proprio per la presentazione delle domande del Reddito Energetico.

In aggiunta, è possibile telefonare il Servizio Clienti GSE al numero 800.16.16.16.

Argomenti

Risparmio