FTAOnline

Rialzo azionario statunitense in attesa del Thanksgiving: Wall Street e i dati di mercoledì

di Alessandro Magagnolipubblicato:

Wall Street in rialzo prima della pausa del Thanksgiving: report economici, azioni USA e rendimenti obbligazionari in evidenza

Rialzo azionario statunitense in attesa del Thanksgiving: Wall Street e i dati di mercoledì

Tabella dei Contenuti

Wall Street si prepara alla pausa per il Thanksgiving

Mercoledì, le azioni statunitensi hanno registrato un rialzo mentre Wall Street si preparava alla pausa per il Thanksgiving, seguendo nuovi report economici e di guadagni.

Alla chiusura di mercoledì, gli indici statunitensi si sono posizionati come segue:

S&P 500: 4.556,61, +0,41% Dow Jones Industrial Average: 35.272,77, +0,53% (+184,74 punti) Nasdaq Composite: 14.265,86, +0,46%

Le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono diminuite

Le richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti sono scese più del previsto la scorsa settimana, ma ciò non indica un cambiamento nel rallentamento del mercato del lavoro, attribuito all'incremento dei tassi d'interesse.

Sebbene i dati abbiano mostrato una diminuzione delle richieste di disoccupazione, rimangono vicine ai massimi di quest'anno, evidenziando le sfide nel gestire le fluttuazioni stagionali.

Le richieste settimanali sono scese a 209.000, mentre le richieste in corso sono a 1,84 milioni.

Gli ordini di beni capitali core sono diminuiti dello 0,1%, con le spedizioni invariate.

Le attese sull'inflazione restano alte

La lettura finale del sondaggio sulla fiducia dei consumatori dell'Università di Michigan ha indicato un aumento delle aspettative sull'inflazione a un anno al 4,5%, rispetto alla precedente lettura del 4,4%, superando la stima precedente del 4,2%.

Le previsioni di inflazione a cinque anni sono rimaste stabili al 3,2%. Nonostante i dati del CPI della settimana scorsa siano deboli, le aspettative di inflazione dei consumatori rimangono alte, sopra il 3%. Il ribasso dei prezzi del petrolio e della benzina non sembra aver influenzato le attese di inflazione, che restano elevate.

Anche se la maggior parte dei proprietari di case ha rifinanziato a tassi più bassi, la stima di inflazione annuale sfida il picco raggiunto quest'anno, probabilmente influenzata dai tassi ipotecari, che fanno presagire un'ulteriore inflazione per i nuovi acquirenti di case.

I rendimenti obbligazionari sono leggermente aumentati poiché i dati sopra citati potrebbero esercitare pressione sulla Fed per mantenere i tassi più alti per un periodo più prolungato. Il rendimento del Treasury decennale è aumentato al 4,412%.

Il mercato azionario si è dimostrato più prudente nelle ultime ore dopo i verbali della Fed

In generale il mercato azionario si è dimostrato più prudente nelle ultime ore dopo che i verbali più recenti della Fed indicano un'orientazione verso politiche monetarie restrittive, ridimensionando le aspettative di tagli dei tassi.

Non si prevedono nuovi aumenti dei tassi, e la maggioranza dei componenti del Fomc ritiene che rimarranno stabili tra il 5,25% e il 5,50%.

Pur mantenendo un tono restrittivo, Powell e altri membri della Fed potrebbero non necessariamente aumentare ulteriormente i tassi, concentrandosi sulla gestione dell'inflazione e attendendo gli effetti completi degli aumenti precedenti.

Il rimbalzo delle borse è legato al calo dei rendimenti obbligazionari

Lo SP500 negli Stati Uniti ha comunque registrato un rialzo dell'8,7% fino a ora a novembre, in linea per il suo miglior mese dall'ottobre 2022, con un aumento del 19% nel 2023.

Questa inversione di tendenza è iniziata dopo che a ottobre il mercato azionario aveva chiuso in ribasso per il terzo mese consecutivo.

Un aspetto chiave di questo rimbalzo è stato il calo dei rendimenti obbligazionari rispetto ai recenti picchi.

Il titolo decennale del Tesoro americano sta registrando rendimenti molto inferiori al 5% superato, per la prima volta in 16 anni, alla fine di ottobre.

L'aumento dei rendimenti offre agli investitori diverse opzioni oltre al mercato azionario e il loro rialzo ha privato il mercato azionario di carburante per molte settimane.

La flessione dei rendimenti vista negli ultimi giorni ha rinfrescato l'interesse per gli asset azionari.

Il prezzo del petrolio resta debole

La visione leggermente più forte sull'inflazione, evidente anche nel report dell’Università del Michigan, emerge nonostante il recente calo dei prezzi del petrolio, che hanno continuato a diminuire mercoledì dopo il rinvio della riunione dell'OPEC+ al 30 novembre a causa di segnalazioni di disaccordi tra i paesi membri.

Le riunioni dell'OPEC+ previste per il 25-26 novembre sono state quindi spostate al 30 novembre, provocando un calo dei prezzi del petrolio, che hanno registrato un crollo nella parte iniziale della seduta, ma successivamente hanno ridotto le perdite. Il petrolio greggio West Texas Intermediate è sceso dell'1,1% a $76,85 al barile, mentre il Brent, il benchmark internazionale, ha registrato un calo dello 0,8% a $81,76.

La ragione del rinvio non è stata divulgata dal Segretariato dell'OPEC. Non è chiaro se la riunione sarà virtuale o in presenza o se i ministri si riuniranno a Vienna.

La nuova data della riunione coincide con il summit sul clima COP28 a Dubai, influenzando gli Emirati Arabi Uniti e altri fornitori di energia arabi nel percorso della transizione verde.

Commenti degli esperti hanno indicato possibili ritardi a causa delle preoccupazioni dell'Arabia Saudita sulla conformità ai livelli di produzione di alcuni membri dell'OPEC+.

L'Arabia Saudita stessa ha imposto un taglio volontario di produzione di 1 milione di barili al giorno fino alla fine dell'anno, contribuendo a una riduzione totale di 1,66 milioni di barili al giorno da vari membri.

Persistono sfide di mercato, tra cui bassi prezzi del petrolio, lenta ripresa della domanda cinese e tensioni geopolitiche in Medio Oriente.

Precedenti turbolenze bancarie e tassi di interesse elevati avevano abbassato i prezzi del petrolio, mitigati dai tagli volontari di produzione da parte dei membri dell'OPEC+, compresi quelli significativi di Arabia Saudita e Russia.

Argomenti
Portafoglio Conservativo

Da 15 anni gestisco un portafoglio conservativo studiato appositamente per investitori che hanno grossi capitali e vogliono preservarli con la massima cura.

Clicca qui!
MegaTrader è un servizio di FtaOnline.com

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy