FTAOnline
Home :: Mercati :: Borse deboli per preoccupazioni per il settore bancario; l'oro e i titoli di Stato guadagnano

Borse deboli per preoccupazioni per il settore bancario; l'oro e i titoli di Stato guadagnano

di Alessandro Magagnolipubblicato:

Il mercato azionario statunitense chiude in ribasso a causa delle preoccupazioni per il settore bancario; l'oro e i titoli di stato salgono poiché i rifugi sicuri guadagnano popolarità.

Tabella dei Contenuti

Borsa Usa in calo venerdì ma saldo settimana positivo

Il mercato azionario statunitense ha chiuso in leggero calo venerdì a causa delle preoccupazioni riguardanti il settore bancario. L'S&P 500 ha chiuso a 3.948,19, in calo dello 0,31%. Il Dow Jones Industrial Average ha chiuso a 32.041,69, in calo dello 0,64% o 204,86 punti. Il Nasdaq Composite ha chiuso a 11.697,80, in calo dello 0,17%. Tutti gli 11 settori del S&P 500 sono scesi venerdì, con il settore finanziario che ha registrato la peggiore performance.

Nonostante le perdite di venerdì, l'S&P e il Nasdaq hanno registrato guadagni settimanali rispettivamente del 1,4% e del 4,4%, mentre il Dow ha avuto una piccola perdita settimanale.

Alcuni investitori sono ottimisti che i recenti fallimenti bancari porteranno la Federal Reserve a interrompere la recente serie di aumenti dei tassi d'interesse nell'incontro della prossima settimana.

Torna ad aumentare il bilancio della Fed

La Federal Reserve ha prestato 165 miliardi di dollari a varie banche statunitensi per aumentare la liquidità e il suo bilancio è aumentato di quasi 300 miliardi di dollari nella settimana scorsa, perdendo quindi metà dei progressi compiuti nell'ultimo anno nel ridurre il proprio bilancio.

First Republic Bank resta debole

First Republic Bank ha ricevuto un'iniezione di capitale di 30 miliardi di dollari da JPMorgan, Wells Fargo, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Bank of America, ma venerdì si è lo stesso registrato un calo delle azioni della banca del 32,8% che è stato causato dalla sospensione del dividendo.

Le azioni di First Republic Bank (FRC) sono scese di oltre il 30% venerdì dopo che un accordo di salvataggio del valore di miliardi di dollari, guidato dalle maggiori banche degli Stati Uniti, tra cui JPMorgan Chase, Citigroup, Bank of America e Wells Fargo, non ha convinto gli investitori che il fallimento della banca è stato risolto.

Questo declino è avvenuto dopo i guadagni registrati giovedì, quando le banche hanno depositato 30 miliardi di dollari in First Republic per ripristinare la fiducia in un sistema bancario colpito da una coppia di fallimenti bancari.

Gli investitori sono preoccupati che l'accordo di salvataggio potrebbe non aver risolto completamente i problemi di First Republic, che ha anche sospeso il suo dividendo giovedì.

Di conseguenza, gli analisti si stanno interrogando se l'azienda potrebbe essere sotto pressione per trovare un acquirente.

La banca con sede a San Francisco, First Republic, sta preoccupando gli investitori poiché la maggior parte dei suoi depositi supera il limite di assicurazione FDIC di $250.000, e si rivolge ai clienti più facoltosi.

Secondo gli analisti di Jefferies, la banca avrebbe perso fino a $89 miliardi di depositi nell'ultima settimana. La banca ha dovuto prendere in prestito decine di miliardi di dollari dalla Federal Reserve e dalla Federal Home Loan Bank per colmare il deficit.

Molte le banche regionali in crisi

Durante la settimana appena conclusa molte banche regionali hanno fatto i conti con perdite significative, come U.S. Bancorp, la cui quota azionaria ha subito il peggior calo dal 2009 (-19%), e KeyCorp, che ha visto una diminuzione superiore al 25%, la peggiore da circa tre anni a questa parte.

Anche le più grandi banche hanno subito una perdita di miliardi di dollari nel valore di mercato, con Citigroup in calo di quasi il 9% rispetto alla settimana precedente.

Nonostante ciò, gli esecutivi affermano di non aver riscontrato il livello di panico tra i depositanti che ha portato alla crisi di SVB e Signature.

Corsa ai beni rifugio da parte degli investitori

Le tensioni quindi restano e la fuga dalle azioni è evidente. Il prezzo dell'oro ha raggiunto un massimo di 11 mesi. Gli investitori hanno acquistato titoli di Stato statunitensi e il prezzo del Bitcoin è salito ai suoi livelli più alti degli ultimi mesi.

Gli investitori, a causa dell'incertezza del mercato, stanno investendo in asset considerati rifugi in tempi di volatilità, come i bond governativi e l'oro.

I futures dell'oro per il mese a venire sono saliti del 2,6% a $1969,80, il loro livello più alto dallo scorso aprile. I futures sull'oro sono aumentati del 5,8% durante la settimana, segnando la più forte crescita settimanale per il metallo prezioso dalla primavera del 2020, quando la pandemia di Covid aveva scosso i mercati.

Nel mercato obbligazionario, il rendimento del titolo del Tesoro americano a 10 anni è sceso al 3,395% dal 3,580% di giovedì. I rendimenti scendono quando i prezzi salgono. Nelle ultime due settimane il rendimento decennale è diminuito di 0,567 punti percentuali, la più grande diminuzione in due settimane dall'inizio della pandemia di Covid nel marzo 2020.

Decolla il Bitcoin

Il Bitcoin ha raggiunto il suo massimo da quest'estate in quanto gli investitori scommettono sul fatto che la Federal Reserve sospenda gli aumenti dei tassi di interesse.

La criptovaluta più grande al mondo per capitalizzazione di mercato è salita del 6,6% rispetto al livello del tardo pomeriggio di giovedì per scambiare intorno ai 26.300 dollari, il suo livello più alto da giugno.

Questo avviene perché gli investitori tradizionali considerano Bitcoin un asset ad alto rischio a causa della sua volatilità, ed è quindi attrattivo per i gestori di denaro quando le condizioni finanziarie si alleviano invece di restringersi.

La crescita di Bitcoin venerdì arriva in un momento in cui sempre più investitori scommettono che il ciclo di aumento dei tassi della Federal Reserve potrebbe essere terminato a causa della tumultuosa situazione finanziaria dopo il fallimento di due banche statunitensi nella scorsa settimana.

Goldman Sachs più pessimista sull'economia Usa

Goldman Sachs ha rivisto al rialzo le probabilità di recessione per gli Stati Uniti nel 2023 a seguito della crisi bancaria che ha avuto inizio con il fallimento di Silicon Valley Bank la scorsa settimana.

Gli strategist di Wall Street si sono detti preoccupati per ciò che potrebbe accadere in futuro.

Goldman Sachs ha ridotto la sua previsione per il PIL del 2023 dello 0,3%, a 1,2%. La banca ha citato "un aumento dell'incertezza a breve termine" riguardo agli effetti dello stress delle piccole banche.

La revisione delle previsioni di Goldman Sachs su una maggiore probabilità di recessione nell'economia degli Stati Uniti, nonostante i mercati prezzino politiche di allentamento dalla Federal Reserve, è notevole.

Di solito, le politiche di allentamento della Fed portano a probabilità di recessione più basse, ma in questo caso, le corse alle banche, i fallimenti e la volatilità delle azioni bancarie hanno aumentato l'incertezza a breve termine.

In precedenza, i trader si aspettavano un rialzo del tasso di interesse del 50 punti base alla riunione del FOMC di questo mese, ma ora il 75% si aspetta un rialzo di 25 punti base, con il resto delle probabilità su nessun rialzo del tasso.

Inoltre, i prezzi del petrolio greggio sono diminuiti del quasi 30% rispetto all'anno scorso, con un terzo di quella diminuzione avvenuta nell'ultima settimana, suggerendo segnali di un'imminente recessione. I futures sul greggio di riferimento Brent venerdì sono crollati del 2,3% a 72,97 dollari al barile, il loro livello più basso dal dicembre 2021.

Goldman Sachs si aspetta lo S&P 500 laterale

Secondo una nota di Peter Oppenheimer di Goldman Sachs, la banca si aspetta che l'S&P 500 scambi in una fascia laterale con ritorni piatti a causa di valutazioni poco allettanti e opzioni alternative come obbligazioni senza rischio e fondi di mercato monetario.

Ci sono due potenziali problemi, come ha scritto Oppenheimer. Il primo è che il mercato azionario degli Stati Uniti rimane costoso rispetto alla storia e ai tassi reali.

Il secondo problema è che gli investitori possono optare per un rendimento garantito e senza rischio del 5% circa sotto forma di titoli del tesoro a breve termine e fondi di mercato monetario, rendendo le azioni meno attraenti.

Inoltre, la crisi bancaria negli Stati Uniti aggiunge anche alla sfida per le azioni di superare questo tasso di soglia.

Il mercato azionario statunitense è previsto stagnante, con rendimenti piatti, a causa di valutazioni poco allettanti e opzioni alternative come i fondi del mercato monetario. Gli investitori possono optare per un ritorno garantito e privo di rischi di circa il 5% sotto forma di obbligazioni del Tesoro a breve termine e fondi del mercato monetario, rendendo le azioni meno attraenti.

Il profilo rischio-rendimento del mercato azionario non migliorerà presto, in quanto ci si aspetta una crescita degli utili piatta quest'anno e solo del 5% nel 2024.

I fondi del mercato monetario hanno attirato 117 miliardi di dollari nell'ultima settimana, rappresentando il maggior afflusso dal 2020, quando gli investitori si rifugiavano nella sicurezza durante l'inizio della pandemia di COVID-19.

Del resto le banche ricostruiscono il proprio capitale prestando meno denaro, è quindi probabile che vedremo una stretta creditizia negli Stati Uniti in un prossimo futuro, un evento che sta iniziando ad essere prezzato in modo drammatico dal mercato.

La crisi della banche porta Moody's a tagliare il rating

Durante la scorsa settimana, i regolatori hanno chiuso la Silicon Valley Bank e la Signature Bank. Prima di ciò, la Silvergate Bank ha annunciato che avrebbe chiuso e liquidato l'attività. Martedì, l'agenzia di rating Moody's ha ridotto il suo outlook sul sistema bancario degli Stati Uniti.

In un breve periodo di tempo, le informazioni sono cambiate radicalmente, il mercato delle materie prime e il mercato del petrolio ci stanno dicendo che una recessione è in arrivo.

La Fed è ad un bivio

La Fed è ad un bivio: a marzo sarà costretta ad alzare ancora i tassi per mantenere la sua credibilità, anche se questo non farà bene all'economia, ma successivamente assumerà probabilmente un atteggiamento più "dovish".

Il problema è che fino a poco tempo fa i recenti rialzi dei tassi sembravano tutto sommato giustificati dalla lotta all'inflazione, ora rischiano invece di dimostrarsi eccessivi e di causare un "hard landing" dell'economia.

Lo stesso potrebbe accadere anche in Europa, dove la Bce, anche lei per mantenere la sua credibilità, ha alzato il costo del denaro di 50 punti base proprio nel mezzo della crisi di Credit Suisse, con una scelta di timing che molti ritengono inopportuna.

Credit Suisse ancora debole

Le azioni di Credit Suisse hanno ripreso a scendere venerdì, perdendo il terreno guadagnato il giorno precedente, segno che gli investitori non sono convinti che la battagliera banca svizzera sia ancora al sicuro. Credit Suisse sta affrontando una serie di problemi finanziari e gli investitori sono preoccupati che possa essere in difficoltà a saldare i suoi debiti.

DBRS Morningstar ha ridotto il rating di credito di Credit Suisse a BBB giovedì.

La Banca Nazionale Svizzera ha offerto alla banca il salvagente di un prestito di 54 miliardi di dollari giovedì. Le azioni sono aumentate di quasi il 20% a seguito della notizia, risalendo dal minimo storico toccato mercoledì.

Venerdì il titolo ha terminato in calo dell'8% circa a 1,86 franchi (massimo di seduta a 2,09).