0
Segnalibri
FTAOnline
Home :: Editoriali :: Bonus vacanze 2021: vacanza a spese del Governo! Ecco come

Bonus vacanze 2021: vacanza a spese del Governo! Ecco come

di Alessandro Chinipubblicato: 4 mesi fa

Il bonus vacanze è ancora buono e lo sarà per tutto il 2021. Vediamo come funziona questa misura che aveva creato tante polemiche alla sua approvazione diversi mesi fa. Ecco a quanto ammonta e come si può ottenere!

Derek Owens
Derek Owens
© FOTO

Il bonus vacanze è un aiuto economico per le famiglie concepito nel 2020 dal Governo Conte Bis, con l’intento di aiutare i beneficiari ad andare in vacanza con più facilità.

Il bonus, infatti, si basa su criteri economici e di composizione del nucleo familiare ed ha l’obiettivo principale di permettere alle famiglie di andare in vacanza e, in particolare, di farlo in Italia.

Importantissimo questo secondo aspetto, perché ovviamente il Governo voleva spingere gli italiani a rimanere entro i confini nazionali, in modo da far recuperare almeno in parte le entrate perdute anche alle attività legate al turismo.

Hotel, case vacanza, villaggi turistici, ma anche solo attrazioni nelle città d’arte e nei meravigliosi luoghi che l’Italia offre… tutti enormemente danneggiati dal Covid e, per questo, aiutati indirettamente con il bonus vacanze.

In compenso, anche tante polemiche per un bonus che ha da subito creato scalpore e qualche problemino.

Nel complesso il bonus è anche stato apprezzato, nel senso che le richieste sono arrivate e sono anche state accolte, ma molti non hanno poi riscattato questo bonus.

Non lo hanno utilizzato, insomma. Prima di vedere questi aspetti, ecco come funziona questa importante misura e che importi permette di ottenere.

Bonus vacanze 2021: come funziona

Il bonus vacanze non è altro che un buono, un voucher, spendibile nelle attività che lo accettano e che permette di scontare fino al 100% del costo della struttura ricettiva prescelta.

Chiaramente, l’idea non è quella di pagare le vacanze agli italiani, ma piuttosto quella di rendere le vacanze più accessibili scontando una parte del costo sulla base di alcuni requisiti.

Nel complesso il bonus è stato ben accolto ed è certamente una bella opportunità per molte famiglie, di cui vedremo in seguito i requisiti, ma ha attirato anche tante critiche e, guardando un po’ più nei dettagli, alcune sono certamente fondate.

Una volta richiesto il bonus, comunque, non bisogna far altro che mostrarlo a chi si occupa nel pagamento della struttura ricettiva ed ottenere lo sconto.

Non tutte le attività lo accettano però, dunque conviene accertarsene prima e, eventualmente, orientare la scelta in funzione di ciò.

Comunque, non tutto l’importo del bonus è “scontabile” direttamente, ma solo l’80%, mentre il restante 20% si può scaricare sotto forma di detrazione d’imposta, come vedremo in seguito.

Bonus vacanze 2021: domanda e requisiti

La domanda per questo bonus va fatta sull’applicazione “IO”, app governativa fatta apposta per questo genere di servizi ed in generale per richieste legate alla Pubblica Amministrazione.

Per farla, è necessario essere in possesso di Spid o CIE, sempre più utilizzati e richiesti per fare queste richieste comodamente da casa propria in via telematica.

La domanda, comunque, non si può fare attualmente ma si poteva fare solo fino al 31 dicembre 2020. Ciò che è ancora attuale di questo bonus è l’utilizzo: si può usare infatti fino al 31 dicembre 2021, con le condizioni spiegate nel prossimo paragrafo.

Inoltre, per accedere al bonus è necessario avere un requisito principale e molto importante: avere un ISEE inferiore a 40.000 euro.

Infine, viene considerata anche la composizione del nucleo familiare.

Bonus vacanze 2021: importo e funzionamento

Il bonus vacanze ha un importo che va dai 150 euro ai 500.

Riceve “solo” 150 euro chi vive da solo ed è quindi l’unico soggetto ad usufruire del bonus, mentre ne ricevono 300 le coppie (o le famiglie formate da due componenti) e 500 euro le famiglie con tre o più soggetti.

Per quanto riguarda il funzionamento, invece, come già detto ci si deve accertare che la struttura accetti il bonus. Non c’è infatti alcun obbligo di accettarlo, dipende tutto dalla struttura stessa.

In caso, si riceve l’80% dell’importo direttamente come sconto sul totale, mentre il restante 20% va tenuto presente in sede di pagamento delle imposte come detrazione.

Bonus vacanze 2021: tra polemiche e proroga

La proroga del bonus vacanze non è mai arrivata in questo 2021, l’unica proroga è stata sull’utilizzo di questo discusso bonus, che è scalato dal dicembre 2020 al giugno 2021 e successivamente al dicembre 2021, scadenza tutt’ora attiva.

In generale, il bonus ha sempre attirato critiche perché utilizzato da pochi (molti che lo hanno richiesto non lo hanno usato), accettato da poche strutture ricettive ed in più anche deficitario nelle modalità.

In sostanza, molti soggetti hanno rinunciato anche a chiederlo per questi motivi e, una volta perso il momento, non hanno più potuto fare domanda, neanche quando il bonus era rodato e più semplice da utilizzare.

La proroga in ogni caso non arriverà, o meglio nulla fa intendere che possa arrivare.

Il Governo Draghi sembra avere tutt’altre priorità in vista della fine del 2021 e soprattutto dell’impegnativa Legge di Bilancio 2022, in cui ancora tantissime questioni sono in sospeso.

Questioni spinose e non rimandabili, che portano il bonus vacanze a non essere, almeno per ora, una priorità. Vedremo se in futuro cambierà qualcosa oppure questo bonus andrà ufficialmente in pensione dopo il 31 dicembre 2021.

Argomenti

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti subito alla nostra newsletter via e-mail per ricevere aggiornamenti sulle Ultime Notizie, i Tutorial e le Offerte Speciali!

Autorizzazione Marketing
Autorizzo l'utilizzo delle informazioni che ho fornito ai fini di ricevere via e-mail notizie, aggiornamenti ed informative marketing.
Cancellazione e politica sulla privacy