FTAOnline
Home :: Mercati :: Mercati azionari Usa in rialzo nonostante le preoccupazioni per l'economia e i cali delle vendite e dei profitti

Mercati azionari Usa in rialzo nonostante le preoccupazioni per l'economia e i cali delle vendite e dei profitti

di Alessandro Magagnolipubblicato:

Le azioni statunitensi hanno registrato un aumento venerdì, con l'S&P 500 e il Nasdaq Composite che stanno guadagnato rispettivamente lo 0,85% e lo 1,5%. Nonostante gli aumenti gli indici sono in rotta per chiudere con perdite settimanali a causa delle preoccupazioni per un rallentamento dell'economia e delle società che riportano cali delle vendite e dei profitti nel quarto trimestre del 2022.

Tabella dei Contenuti

Mercati azionari Usa in rialzo nonostante le preoccupazioni per l'economia e i cali delle vendite e dei profitti

Le azioni Usa sono in aumento venerdì con l'S&P 500 e il Nasdaq Composite che guadagnano rispettivamente lo 0,85% e lo 1,5%. Tuttavia, l'indice Dow Jones Industrial Average ha aperto in ribasso per poi aumentare dello 0,3% circa.

Tutti e tre gli indici sono in rotta per chiudere con perdite settimanali a causa delle preoccupazioni per un rallentamento dell'economia e delle società che riportano cali delle vendite e dei profitti nel quarto trimestre del 2022.

Le azioni di Procter & Gamble sono scese dello 0,5% venerdì, pesando sull'indice Dow.

Alphabet e Microsoft annunciano tagli di posti di lavoro, aumentando le preoccupazioni per una recessione

Alphabet, la società madre di Google, ha annunciato tagli massicci di posti di lavoro, amplificando le paure che gli Stati Uniti possano scivolare in una recessione quest'anno.

Microsoft ha anche annunciato licenziamenti in precedenza in questa settimana.

Le azioni di Alphabet sono in aumento del 4,26% a 97,91 dollari nelle ultime contrattazioni.

Seema Shah, Chief Global Strategist di Principal Asset Management, ha dichiarato che "Questa settimana potrebbe essere decisiva" e che sembra che la narrazione del mercato stia cambiando da una concentrazione sulla Fed alla fine del suo ciclo di rialzo ad un rallentamento della crescita.

Vendite di case usate negli USA al livello più basso dal 2014, erodono l'ottimismo dei mercati

Venerdì gli investitori hanno dovuto affrontare notizie economiche negative, in quanto le vendite di case usate negli Stati Uniti sono scese al livello più basso dal 2014 (-18% su base annua nel 2022).

Anche se i mercati hanno iniziato il 2023 in forte crescita, sperando che l'inflazione continuerà a rallentare e che la Federal Reserve e altre banche centrali globali interromperanno le campagne di rialzo dei tassi di interesse nei prossimi mesi, i dati economici deboli e i report sugli utili misti di questa settimana hanno eroso parte di questo ottimismo.

La Fed e gli investitori in disaccordo sulla politica monetaria: le aspettative contrastanti alimentano la volatilità del mercato

Gli investitori sono in disaccordo con la Federal Reserve su quando la banca centrale inizierà ad alleggerire la politica monetaria.

Alcuni investitori scommettono che la Fed inizierà a tagliare i tassi più tardi quest'anno, ma i funzionari della Fed, tra i quali anche la vicepresidente della Fed Lael Brainard, hanno recentemente respinto queste aspettative, sostenendo che i tassi dovranno rimanere restrittivi per un po' di tempo per garantire che l'inflazione torni al suo target del 2%.

Questa discrepanza tra le aspettative degli investitori e delle politiche della Fed potrebbe alimentare maggiore volatilità nei mercati quest'anno.

Agnès Belaisch, Chief European Strategist presso l'Istituto di Investimento Barings, non vede come la Fed potrebbe iniziare a tagliare i tassi non appena smette di alzarli.

Belaisch non vede perché i mercati considerano questa opzione "Ci vorrebbe una grande recessione, che il mercato non sta neanche prezzando al momento".

Il rialzo delle borse potrebbe avere breve durata, almeno secondo BofA.

Il mercato azionario potrebbe invertire la rotta a causa dell'aumento dell'inflazione e della prossima recessione, secondo Bank of America

Secondo Bank of America, l'aumento dell'inflazione prima della prossima recessione potrebbe fare invertire il mercato azionario.

BofA sostiene che la riapertura dell'economia cinese e il conflitto in corso tra Russia e Ucraina porteranno a prezzi delle materie prime più alti, causando l'inversione delle tendenze secolari che hanno dominato il mercato negli ultimi dieci anni.

Bank of America ha riconosciuto che l'inflazione è scesa negli ultimi mesi, ma ciò cambierà a causa di un mercato del lavoro sempre tirato e di un aumento dei prezzi delle materie prime derivante dalla riapertura dell'economia cinese e dei problemi di approvvigionamento causati dal conflitto tra Russia e Ucraina.

Questo aumento dell'inflazione avverrà mentre le banche centrali di tutto il mondo pensano di allentare la loro politica monetaria di rialzo dei tassi d'interesse e alcune potrebbero addirittura pensare di tagliarli.

BofA ha dichiarato che le banche centrali accettano silenziosamente un'inflazione strutturale più alta, mentre una recessione sta arrivando. Ciò è dovuto all'aumento del tasso di disoccupazione e al record di tasso di interesse medio sulla carta di credito del 19%.

Le società di finanziamento al consumo stanno aumentando le provvigioni. Gli investitori dovrebbero fare esattamente il contrario di ciò che ha funzionato negli ultimi dieci anni, poiché la tendenza degli asset inflazionistici sugli asset deflazionistici è ancora all'inizio.

BofA ritiene che gli investitori dovrebbero possedere asset come materie prime e azioni non statunitensi.

La mega-cap tech trade che ha dominato i mercati dopo la Grande recessione potrebbe sottoperformare nei prossimi anni.

Gli investitori dovrebbero anche possedere azioni di piccole e medie capitalizzazioni e azioni di valore rispetto a quelle di crescita.

Anche se una recessione potrebbe danneggiare questi trade, alla fine forniranno agli investitori i "prossimi grandi punti di ingresso" negli asset inflazionistici.

Indagine della Federal Reserve sui sistemi di sicurezza di Goldman Sachs nel suo business al consumo scatena un nuovo ribasso delle azioni

La notizia che la Federal Reserve sta indagando sul business al consumo di Goldman Sachs per determinare se la banca abbia adottato i sistemi di sicurezza appropriati mentre aumentava il prestito, ha causato una nuova flessione delle azioni della banca.

Le azioni di Goldman sono scese del 3% nel mezzo del venerdì, dopo che il Wall Street Journal ha riportato la notizia.

Ciò è avvenuto una settimana dopo che la banca ha annunciato che l'unità Marcus (nome scelto in onore del fondatore della banca) aveva perso diversi miliardi di dollari dal 2020.

Tesla: Il successo delle riduzioni dei prezzi in Cina fa prevedere un rialzo del 35% delle azioni

Tesla è in crescita del 3,1% a 131,10 dollari circa. Il titolo di Tesla potrebbe salire del 35% poiché le recenti riduzioni dei prezzi sono state un grande successo in Cina, secondo Dan Ives di Wedbush.

Il titolo di Tesla potrebbe salire del 35% quest'anno a grazie al successo delle recenti riduzioni dei prezzi in Cina secondo Dan Ives di Wedbush.

Wedbush ha intervistato più di 500 consumatori cinesi interessati ad acquistare un veicolo elettrico quest'anno e ha scoperto che il 76% di loro considera l'acquisto di una Tesla, superando i concorrenti locali come BYD (58,6%) e Nio (48,5%).

Inoltre, quasi il 70% degli intervistati ha dichiarato di essere stato positivamente influenzato a comprare una Tesla a causa delle recenti riduzioni dei prezzi.

Tesla ha ridotto i prezzi in Cina per due volte a causa di una domanda debole e vendite deludenti.

Il sondaggio di Wedbush è stato effettuato subito dopo che i prezzi sono stati tagliati per il SUV Model 3 e il Model Y di Tesla in Europa e negli Stati Uniti, una mossa che potrebbe aumentare le vendite del 53% secondo Bank of America.

Il successo delle recenti riduzioni dei prezzi di Tesla in Cina potrebbe far aumentare del 35% il prezzo delle azioni, secondo Dan Ives di Wedbush.

Egli ha sottolineato che la Cina rappresenta la base della crescita globale di Tesla e che le riduzioni dei prezzi sono state ben accette dai consumatori di veicoli elettrici e hanno accelerato le decisioni d'acquisto. Dan Ives conferma la sua previsione di un target di prezzo di $175 per le azioni di Tesla entro 12 mesi.

Dan Ives ha scritto "riteniamo che questi tagli dei prezzi possono stimolare la domanda/le consegne del 12-15% in tutto il mondo nel 2023 e dimostra che Tesla e Musk stanno attuando un'azione "offensiva" per stimolare la domanda in un contesto di indebolimento".

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy