FTAOnline
Home :: Mercati :: Gli Usa verso il default?

Gli Usa verso il default?

di Alessandro Magagnolipubblicato:

Gli Stati Uniti hanno raggiunto il limite del debito di 31,4 trilioni di dollari stabilito dal Congresso, costringendo il Tesoro a prendere misure straordinarie per evitare il default e mettendo sotto pressione i legislatori per alzare il tetto del debito. Il Segretario del Tesoro Janet Yellen ha avvertito che un mancato adempimento degli obblighi del governo causerebbe danni irreparabili all'economia e alla stabilità finanziaria globale.

Tabella dei Contenuti

Il Congresso degli Stati Uniti deve trovare un accordo per alzare il tetto del debito e evitare il default

Il Congresso degli Stati Uniti ha stabilito un limite di debito di 31,4 trilioni di dollari, che è stato raggiunto giovedì.

Di conseguenza, il Tesoro ha dovuto utilizzare misure straordinarie per evitare il default fino a giugno.

Tuttavia, dopo questa data i legislatori dovranno alzare il tetto del debito, altrimenti ci sarà il rischio di default, che è stato sollevato da importanti figure di Wall Street come Jamie Dimon, Larry Summers, Ed Yardeni e Nouriel Roubini.

Il Congresso degli Stati Uniti sotto pressione per alzare il tetto del debito e evitare il default

Gli Stati Uniti hanno raggiunto il limite del debito stabilito dal Congresso, costringendo il Tesoro a prendere misure straordinarie per evitare il default e mettendo sotto pressione i legislatori per alzare il tetto del debito.

Il Segretario del Tesoro Janet Yellen ha avvertito che un mancato adempimento degli obblighi del governo causerebbe danni irreparabili all'economia e alla stabilità finanziaria globale.

Yellen, prevede che il "periodo di sospensione di emessione del debito" possa estendersi fino al prossimo 5 giugno.

Tuttavia, c'è preoccupazione per il rischio di default a causa della divisione tra i partiti politici e la volontà dei Repubblicani di includere tagli alle spese nell'accordo.

Al contrario l'amministrazione Biden rimane ferma contro la messa di condizioni per alzare il tetto del debito.

"Non ci saranno negoziati sul tetto del debito", ha dichiarato la vice addetta stampa della Casa Bianca, Olivia Dalton, che ha proseguito dicendo "Il Congresso dovrebbe risolvere questo problema senza porre condizioni, come ha fatto tre volte durante il mandato dell’ex presidente Trump".

La disfunzione politica degli Stati Uniti mette in pericolo l'accordo sul tetto del debito

La disfunzione politica degli Stati Uniti è stata un fattore nel declassamento del debito da parte di Standard & Poor's nel 2011 e la recente difficoltà dei Repubblicani nel trovare un accordo su un oratore della Camera evidenzia la probabile difficoltà nel raggiungere un nuovo accordo sul tetto del debito.

Gli esperti del mercato avvertono sui rischi di un default degli Stati Uniti durante la lotta sul tetto del debito

Il famoso economista Nouriel Roubini, conosciuto come "Dr. Doom", ha sottolineato che durante lo scontro sul tetto del debito del 2011, l'indice S&P 500 ha perso il 12% da luglio ad agosto a causa delle lunghe trattative e ha dichiarato che sarebbe "pazzesco e una totale catastrofe per gli Stati Uniti" se ci fosse un default. Inoltre ha affermato che "se non si paga il debito, gli investitori privati nazionali e stranieri non compreranno più i tuoi bond e ci sarà un aumento dei tassi d'interesse."

Il CEO di JPMorgan, Jamie Dimon, ha dichiarato che lo stato del credito degli Stati Uniti non dovrebbe nemmeno essere messo in discussione e ha aggiunto che il debito degli Stati Uniti è la spina dorsale della struttura finanziaria mondiale e non è qualcosa con cui si dovrebbe giocare.

Larry Summers, ex Segretario del Tesoro, ha descritto la lotta sul tetto del debito come una "potenziale tragedia come farsa" e ha dichiarato che sarebbe "catastrofico e inconcepibile per gli Stati Uniti entrare in default" e non è ciò che fa nessuno serio. Egli rimane ottimista che si raggiunga un accordo e ritiene che alla fine del giorno si adempiranno gli obblighi e non ci sarà una notevole interruzione.

Ed Yardeni, un veterano del mercato e presidente di Yardeni Research, ha dichiarato che Wall Street ha già visto questo "gioco del pollo", una configurazione della teoria dei giochi a somma non nulla, prima e ha sempre visto i politici raggiungere un accordo all'ultimo minuto. Tuttavia se questa volta non accadrà, egli ritiene che si vedrà Wall Street ribellarsi causando una vera flessione del mercato azionario e del mercato obbligazionario e questo attirerà l'attenzione dei politici e porterà ad un accordo.

Il tetto del debito degli Stati Uniti: una storia di aumenti e sospensioni dal 1917 ad oggi

Il tetto del debito degli Stati Uniti è stato introdotto nel 1917 per limitare l'indebitamento del governo e richiede l'approvazione del Congresso per essere aumentato o sospeso.

Il tetto del debito è stato aumentato o sospeso decine di volte nel corso degli anni, sia dalle amministrazioni democratiche che repubblicane.

Attualmente, a causa della pandemia e della crisi economica, il tetto del debito ammonta a 31,4 trilioni di dollari, pari al 120% del Pil.

Nonostante questa cifra enorme, il governo degli Stati Uniti si trova in una posizione privilegiata poiché può emettere nuovo debito praticamente ogni volta che ne ha bisogno e i titoli del Tesoro americano sono considerati tra gli investimenti più sicuri e stabili a livello globale.

Tuttavia, gli esperti del mercato, come Nouriel Roubini, Jamie Dimon, Larry Summers ed Ed Yardeni, hanno espresso preoccupazione per le difficoltà nel raggiungere un accordo sul tetto del debito, temendo che possa causare un default e danni irreparabili all'economia degli Stati Uniti e alla stabilità finanziaria globale.

https://fred.stlouisfed.org/series/GFDEBTN

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy