FTAOnline
Home :: Finanza Personale :: Bonus cinema con lo SPID: come funziona il nuovo sconto del Governo

Bonus cinema con lo SPID: come funziona il nuovo sconto del Governo

di Miriam Ferraripubblicato:
Argomenti

Spunta un nuovo bonus cinema, ma solo per i cittadini che possiedono lo SPID: si potranno vedere i film nelle sale con uno sconto di circa 4 euro sul prezzo del biglietto. Ecco come funziona la nuova proposta del Ministro della Cultura.

Non appena insediatosi a palazzo, il Ministro della Cultura Sangiuliano aveva firmato un provvedimento che stanziava 10 milioni di euro: di che cosa si tratta?

Considerando la lenta ripresa post-pandemia delle sale cinematografiche, il Ministro Sangiuliano ha pensato di introdurre un nuovissimo bonus cinema per spingere la partecipazione e la presenza dei cittadini.

Tuttavia, per poter ottenere questo nuovo sconto (di circa 3 euro) sul prezzo del biglietto occorre possedere lo SPID.

Vediamo come funziona il nuovo bonus cinema con lo SPID, chi può richiederlo e come utilizzarlo.

Bonus cinema con SPID: come funziona

Un nuovissimo bonus cinema per tutti i cittadini in possesso delle credenziali SPID: questa è la nuova idea del Ministro della Cultura, che ha firmato un provvedimento non appena insediatosi nel Governo.

Infatti, per spingere la ripresa delle sale cinematografiche, dopo lo stop della pandemia, è necessario fornire nuovi incentivi per i cittadini affinché si possano ripopolare i cinema.

Non stiamo parlando delle agevolazioni riservate a beneficiari del bonus 18app, ma di un'altra nuova possibilità di risparmio.

In sostanza, questo nuovo bonus cinema permette a tutti i cittadini di ottenere uno sconto sul prezzo del biglietto applicato direttamente al botteghino della sala cinematografica, in modo da potersi godere la visione di un film a un prezzo vantaggioso.

Dunque, tutti i titolari di SPID avranno la possibilità di richiedere il voucher per ottenere uno sconto di circa 3 euro sul prezzo del biglietto (da un minimo di 6-7 euro), per arrivare a spendere solo 4 euro. Il tutto, però, entro un arco temporale di 3 mesi.

Bonus cinema con SPID: chi può averlo

Tutti possono avere il nuovissimo sconto sul biglietto del cinema, basta semplicemente attivare SPID.

Per attivare SPID esistono moltissime soluzioni: si può decidere di affidarsi a Poste Italiane, oppure optare per un altro degli intermediari abilitati (Sielte, Infocert, ecc.).

Una volta attivata la propria identità digitale basta semplicemente richiedere il voucher: quest'ultimo conterrà un QR Code da scansionare al botteghino per ottenere lo sconto.

Ai proprietari delle sale, invece, verrà garantito un contributo di 3 euro per ciascun voucher accettato.

Come ha spiegato il Ministro della Cultura:

Gli spettatori in possesso di Spid, intenzionati a fruire dell'agevolazione, generano un coupon, di durata limitata, sotto forma di Qr Code, da presentare ai botteghini per beneficiare dello sconto 

Cinema, dati in risalita ma lontani dai livelli pre-covid

I dati dell'ultimo semestre 2022 dimostrano una crescita del settore culturale e artistico, con una crescita dei consumi trainata in particolare dall'aumento delle presenze ai concerti.

A commentare i dati è stato il direttore generale Siae Gaetano Blandini, che denota come per i cinema non si possano fare le stesse considerazioni ottimistiche. La ripresa c'è, ma non siamo ancora tornati ai livelli pre-covid.

Basti pensare che nel corso del 2022 sono stati venduti 21,5 milioni di biglietti a fronte dei 51,4 milioni del 2019. Meglio per i concerti, dove si registrano vendite dai 5,5 milioni del 2019 ai 6,2 milioni del 2022.

Dunque la spinta alla presenza dei cittadini nelle sale cinematografiche è necessaria per sostenere il settore: di qui l'idea del nuovo bonus cinema con SPID.

Programma dei video

« dicembre 2022»
lun
mar
mer
gio
ven
sab
dom

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy