FTAOnline
Home :: Approfondimenti :: Prezzo pellet 2022: qual è il più conveniente?

Prezzo pellet 2022: qual è il più conveniente?

di Miriam Ferraripubblicato:

Esiste un pellet dal prezzo più basso rispetto agli altri? Qual è la tipologia di pellet più conveniente nel 2022 in seguito all’aumento della domanda e della scarsità della materia prima? Ecco quale scegliere per risparmiare sulle spese.

Le famiglie sono alla ricerca di valide alternative al gas per risparmiare sul riscaldamento e sulle bollette dopo l’ennesima stangata dal 1° ottobre 2022: il pellet è una valida soluzione?

Il prezzo del pellet nel corso del 2022 è aumentato, in quanto anche la richiesta da parte dei consumatori si è incrementata: ad oggi si può trovare tra i 9 e i 19 euro al sacco, mentre la scorsa stagione era disponibile dai 4 ai 7 euro al chilo.

Utilizzare una stufa a pellet o legna, comunque, è ancora la scelta più conveniente rispetto al gas, nonostante l’approvvigionamento sia piuttosto difficile.

Cerchiamo di capire qual è il pellet più conveniente tra le diverse tipologie, qual è il prezzo nel 2022 e perché la materia prima scarseggia in Italia e all’estero.

Prezzo del pellet 2022: perché è aumentato?

Ci sono diversi motivi per cui il prezzo del pellet nel 2022 è aumentato notevolmente: in primis, gli aumenti su luce e gas hanno spinto gli italiani a sfruttare i cosiddetti “bonus pellet” per la sostituzione degli impianti a gas con alternative più convenienti.

Ma c’è da sottolineare anche una richiesta nettamente superiore rispetto agli ultimi anni: l’Italia non è produttore di pellet e perciò lo deve importare dall’estero.

Allo stesso modo, i Paesi esportatori (tra i quali la Francia e la Germania, ma anche la Slovacchia, l’Austria e la Croazia) della materia prima sfruttavano la legna scartata proveniente da Russia e Ucraina. La guerra in corso ha frenato il processo.

Il limite alle esportazioni, quindi, ha fatto salire il prezzo del pellet che nel 2022 è arrivato fino a 15 euro al sacco.

Prezzo del pellet 2022: qual è il più basso e conveniente

Considerando gli aumenti del prezzo del pellet nel 2022, quali sono le alternative più convenienti per risparmiare?

Fino a qualche anno fa, quando la diponibilità era ampia, molti ritenevano che il pellet di abete e di faggio fossero le due qualità migliori per la combustione, seppure il prezzo fosse più elevato. Ad oggi, considerando la scarsità della materia prima, si stanno facendo spazio anche i pellet di castagno, conifere, canapa, e ulivo.

Qual è il pellet con il prezzo più basso nel 2022? Diciamo che non esiste una tipologia più conveniente di un’altra, ma è chiaro che – rispetto all’abete e al faggio – i pellet di castagno, conifere, canapa e ulivo sono più convenienti, ma hanno anche una qualità inferiore.

Nonostante l’aumento dei prezzi del pellet, le tipologie sopra riportate si possono trovare a circa 9 euro al sacco, oppure anche 8 euro se si acquistano grandi quantità di prodotto.

Pellet non legnoso: è più conveniente?

Esistono poi delle alternative rispetto alle precedenti di pellet non legnoso, ma si tratta davvero di un’offerta conveniente?

Generalmente queste tipologie di pellet – derivante dal nocciolino, i gusci di nocciola e dal mais – si possono acquistare a un prezzo attorno ai 7 euro al sacco.

Tuttavia, è bene sapere che queste tipologie di combustibile non vanno bene per tutte le stufe ad oggi in commercio o nelle case degli italiani: anche per questo motivo, moltissime famiglie hanno tentato di adattare la propria stufa a pellet ad altre forme di combustibili.

In alternativa si possono installare sistemi alternativo, sfruttando per esempio il bonus caldaia o le altre agevolazioni delle Regioni.

Programma dei video

« dicembre 2022»
lun
mar
mer
gio
ven
sab
dom

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy