FTAOnline
Home :: Finanza Personale :: Reddito di cittadinanza, chi sono gli occupabili e cosa rischiano dal 1° gennaio 2023

Reddito di cittadinanza, chi sono gli occupabili e cosa rischiano dal 1° gennaio 2023

di Miriam Ferraripubblicato:

I titolari del reddito di cittadinanza considerati "occupabili" rischiano di perdere l'assegno dal 1° gennaio 2023: ecco quali sono le nuove regole fissate dalla Manovra.

Tabella dei Contenuti

Il reddito di cittadinanza ha le ore contate: il Governo Meloni ha tracciato la strada per la cancellazione definitiva del sussidio.

A partire dal 1° gennaio 2023 le mensilità fruibili per gli individui considerati "occupabili" scendono a 8 (anziché 18), mentre dal 1° gennaio 2024 il reddito verrà abolito.

Ma andiamo con ordine... chi sono gli individui "occupabili" e chi rischia di perdere l'assegno? Cambiano le regole e i requisiti per accedere al reddito di cittadinanza: la Manovra 2023 introduce novità, tagli e colpi di scena. Che confusione!

Cerchiamo di fare il punto sulla novità, partendo dalla definizione di individui "occupabili".

Reddito di cittadinanza, chi sono i titolari "occupabili"?

La Legge di Bilancio 2023 ha introdotto alcune novità sul reddito di cittadinanza che riguardano esclusivamente gli individui - titolari del sussidio - considerati "occupabili" e che porterà un risparmio alle casse statali di circa 734 milioni di euro.

Ma che cosa significa individui "occupabili"?

I soggetti "occupabili" titolari di RdC sono tutti coloro che hanno un'età compresa tra 18 e 59 anni e sono in grado di lavorare. Sono esclusi coloro che hanno a carico dei soggetti disabili, minori, o anziani over 60.

L'ultima rilevazione dell'INPS aveva rivelato come gli individui occupabili titolari del RdC fossero 830 mila. Non dovrebbero essere colpiti - su proposta della ministra del Lavoro, Marina Calderone - i nuclei familiari con disabili (18%), anziani, o bambini minorenni a carico (35%).

Dal 1° gennaio 2023, quindi, saranno almeno 500 mila i titolari del reddito di cittadinanza "occupabili" che rischiano di perdere l'assegno.

Reddito di cittadinanza, cosa cambia dal 1° gennaio 2023?

Ma che cosa cambia, quindi, dal 1° gennaio 2023?

Secondo quanto previsto dalla Manovra economica, i titolari RdC considerati occupabili dovranno seguire dei corsi di formazione per l'accrescimento delle competenze e conoscenze, in vista del loro ingresso nel mondo del lavoro.

Infatti, non si potrà rifiutare nemmeno la prima offerta id lavoro, pena la perdita del sussidio. Un'altra novità riguarda i titolari RdC all'estero: tutti coloro che prenderanno il reddito dovranno rimanere entro i confini nazionali.

Inoltre, le mensilità di reddito fruibili per tutti gli individui occupabili passano da 18 (con possibilità di rinnovo) a 8.

Reddito di cittadinanza, stop a coloro che non assolvono l'obbligo scolastico

Un'altra proposta emersa nelle ore successive alla presentazione della Manovra è lo stop al reddito di cittadinanza per tutti coloro che non hanno assolto l'obbligo scolastico.

L'idea arriva dal Ministro dell'Istruzione del Governo Meloni, Giuseppe Valditara che ha sottolineato:

In Italia ci sono 364.101 percettori di reddito di cittadinanza nella fascia tra i 18 e i 29 anni. Di essi 11.290 possiedono solo la licenza elementare o nessun titolo, e altri 128.710 soltanto il titolo di licenza media.

Secondo il Ministro, quindi, è importante permettere a tutti coloro che hanno interrotto il percorso scolastico di concludere gli studi, o eventualmente di seguire una formazione speciale, pena la perdita del sussidio grillino.

Addio al reddito di cittadinanza dal 1° gennaio 2024?

Sempre all'interno della bozza della Manovra 2023 pare esserci l'addio al reddito di cittadinanza a partire dal 2024. Il sussidio grillino sparirà per sempre?

In realtà le modifiche saranno lente e graduali e permetteranno allo Stato di risparmiare diversi fondi per finanziare un nuovo sussidio contro la povertà: il reddito di sussistenza.

Programma dei video

« dicembre 2022»
lun
mar
mer
gio
ven
sab
dom

Registrati alla newsletter

Una volta alla settimana ti invieremo gli articoli più interessanti, le notizie più importanti che abbiamo appena pubblicato!


Approva il trattamento dei dati
Cancellazione e politica sulla privacy